Veloso: «Siamo tristi quanto i nostri tifosi. Sul primo gol c’era fallo su Romero»

«Brutta sconfitta, ma abbiamo lottato. Sul gol di Defrel c'era fallo su Romero e l'espulsione di Biraschi è stata esagerata. Volevamo vincere e capisco la delusione dei tifosi, faremo di tutto per riportarli dalla nostra parte»

2009
Veloso
Il sinistro di Veloso (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Volti tesi e poca voglia di parlare in casa Genoa dopo l’ennesimo ko nel derby. A metterci la faccia è Miguel Veloso, lui con Pandev sono stati gli ultimi ad arrendersi. Le considerazioni del centrocampista portoghese al termine del match. «Sconfitta che fa male, penso sia stata una bella partita da vedere, combattuta, peccato essere rimasti in inferiorità numerica. Sul loro gol del vantaggio secondo me c’era un fallo su Romero. Le cose non stanno andando come vorremmo, dobbiamo riprenderci subito perchè sabato contro il Torino dobbiamo ritrovare la vittoria. Espulsione di Biraschi? Ero li vicino, l’ha presa con la mano, era rigore senza dubbio, ma il rosso è stato esagerato. Tre anni senza vincere il derby? I tifosi hanno ragione ad essere delusi, lo siamo anche noi perchè vogliamo vincere. Abbiamo corso, provato a lottare anche in dieci, ma oggi non è andata come volevamo. Problema in attacco? Non possiamo dare le colpe a nessuno, quando le cose non vanno bene la colpa è di tutti. Giocare un derby è sempre bello, ovviamente volevamo vincere, io e Goran siamo i più grandi e proviamo a dare l’esempio. La classifica è quella che è, dobbiamo prenderci le noste responsabilità e andare avanti. Difesa a 3 solo temporaneamente? Bisogna chiederlo al mister, noi calciatori facciamo quello che decide e proviamo a farlo al meglio. Brutta sconfitta, ma ora ci sono altre partite e cercheremo di fare quanti più punti possibili: questo è il nostro obiettivo. A Udine, ma anche negli ultimi derby, abbiamo sempre preso gol all’inizio e diventa difficile riprendere il risultato. Ci abbiamo provato anche in dieci, non è andata come volevamo e siamo delusi e tristi quanti i tifosi. Capisco la loro rabbia e la loro tristezza, la condivido. Ora dipende da noi, dobbiamo riportarli dalla nostra parte. La classifica è quella che è, ma dipendiamo solo da noi stessi, dobbiamo recuperare e fare il nostro meglio sapendo che ci sono punti da conquistare».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.