Vasquez: «La lingua italiana è un problema, mi sono sentito un po’ a disagio»

«Sono giovane e ansioso di giocare, la Serie A è un campionato competitivo» spiega il difensore messicano

3507
Vasquez Genoa Messico
Johan Vasquez si allena con il Messico (dalla sua pagina Instagram)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Intervistato da Tv Azteca Johan Vasquez è tornato sul suo approdo in Serie A con il Genoa dove non ha ancora debuttato: «Mi sono sentito un po’ a disagio, avevo voglia di giocare in questo periodo ma ho parlato poco con Ballardini poiché capire e spiegarsi in lingua italiana è un problema delicato. Sono consapevole di essere giovane e molto ansioso ma devo avere pazienza, l’adattamento al calcio italiano può essere lungo anche se il ct Martino me ne aveva parlato: il campionato è competitivo con squadre molto forti».

«In Serie A devi curare la tua dieta ma la pasta, davvero, la migliore che abbia mai assaggiato: la pasta al pesto, la migliore» chiosa Vasquez, non impiegato dal Tata Martino contro il Canada. Prossima gara della Tri contro l’Honduras, all’Estadio Azteca di Città del Messico, nella notte italiana del prossimo 11 ottobre, poi a El Salvador il 14 ottobre. Attualmente il Messico è primo ex aequo con gli Stati Uniti nel girone del Nord e Sud America di qualificazione al Mondiale del 2022.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.