Un fotografo denuncia su Facebook: Balotelli ha preso a calci una fotocamera

Massimo Lovati scrive sull'increscioso episodio avvenuto durante Genoa-Brescia: «Il signor Balotelli quando è stato richiamato in panchina la ha usata come fosse un pallone e l’ha calciata contro i rotors della pubblicità»

3263
Brescia Balotelli
Mario Balotelli durente Genoa-Brescia (Foto pagina ufficiale Facebook Brescia Calcio)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Increscioso episodio avvenuto ieri durante Genoa-Brescia: ne è stato protagonista Mario Balotelli che ha danneggiato una macchina fotografica. Il fotografo Massimo Lovati ha denunciato l’accaduto sulla sua pagina Facebook: «Io con la mia fotocamera Canon con l’ obiettivo Canon 8/15 mm che anche stasera ho posizionato su piccolo trepiede e remotata con cavo da 35 metri dietro la porta sotto la gradinata sud allo stadio Ferraris di Genova per documentare da dietro la porta azioni durante la partita Genoa-Brescia».

Il tutto sarebbe avvenuto quando l’attaccante è stato sostituto: «Il signor Balotelli quando è stato richiamato in panchina la ha usata come fosse un pallone e l’ha calciata contro i rotors della pubblicità. Mi ha subito chiamato il raccattapalle che aveva assistito alla scena raccontandomi l’ accaduto. Ho constatato che la fotocamera e il booster erano vistosamente danneggiati (la cassa della fotocamera spaccata) e la fotocamera non funzionava piu. Bella impresa prendersela con un oggetto di lavoro!! Non ho parole e volutamente non faccio commenti. Ho comunque parlato a fine partita con il Dott. Piovani Direttore del Brescia calcio e gli ho mostrato fotocamera danneggiata e obiettivo: gli ho detto che settimana prossima avrei portato il tutto da Camera Service Milano centro autorizzato Canon per verificare danni e quantificare il costo della eventuale riparazione o sostituzione ,sia per la fotocamera, il booster e l’obiettivo».

Il fotografo conclude: «Questi sono strumenti delicatissimi che non devono essere presi a calci.Avvilito comunque è dire poco: rispetto , ci vuole rispetto per persone che lavorano e per i loro strumenti!!!!».

Il fotografo Massimo Lovati mostra la fotocamera danneggiata (Foto dal suo profilo Facebook)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.