Torrente: «La crisi del Genoa? E’ una situazione strana»

L'ex difensore del Genoa ai microfoni di TMW: «Davvero non saprei analizzare l’origine di queste difficoltà, specie se pensiamo che il Grifone è partito nell’entusiasmo generale»

1859
Torrente
Vincenzo Torrente (dalla pagina Facebook del club a lui intitolato a Savona)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«E’ una situazione strana, specie se consideriamo che il presidente Preziosi ha rilanciato rispetto allo scorso anno». Vincenzo Torrente ha dato la sua spiegazione sul momento difficile del Genoa ai microfoni di Tuttomercatoweb.com. «Ha preso giocatori esperti come Zapata e Schone – prosegue l’ex difensore rossoblù – e giovani di prospettiva come Favilli e Pinamonti, confermando Kouamé e facendosi ridare Romero dalla Juve». Ecco il riepilogo per punti dell’intervista.

COMPOSIZIONE ROSA – «A me questo gruppo piace, è stato costruito con una logica e al limite gli mancava, per come avevo avuto modo di vedere, un’alternativa di esperienza in attacco. Peraltro c’è un allenatore come Andreazzoli che – a detta di tutti – sa far giocare bene le proprie squadre».

GENESI DELLA CRISI – «Davvero non saprei analizzare l’origine di queste difficoltà, specie se pensiamo che il Genoa è partito nell’entusiasmo generale di una piazza che aveva ritrovato fiducia. C’erano tutte le componenti per far bene e i primi risultati erano anche incoraggianti. Poi non so cosa sia successo. In questo momento il Genoa subisce anche tanto, oltre a concretizzare poco. E’ chiaro che col Milan non si meritava di perdere, ma resta il fatto che si prendono gol con troppa ingenuità. E sono errori che finiscono per compromettere una partita».

DIFESA – «Bisogna però dire che la fase difensiva riguarda tutta la squadra, non si può imputare tutto soltanto ad una retroguardia che, per struttura fisica ed esperienza, è impostata su giocatori importanti. Che dire, da tifoso auguro al Genoa di riscattarsi immediatamente, come meritano questi splendidi tifosi”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.