Terza volta in carriera, con il Genoa, per l’arbitro Fabrizio Pasqua

Con il "fischietto" della sezione di Tivoli, il Grifone ha chiuso in match con una sconfitta (esterna) ed una vittoria (al "Ferraris"

336
L'arbitro Fabrizio Pasqua (Foto Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Due precedenti, una sconfitta esterna ed una vittoria tra le mura domestiche: Fabrizio Pasqua è chiamato per la terza volta a dirigere una gara del Grifone. Nativo di Nocera Inferiore, fra pochi giorni spegnerà 36 candeline, è nei ruoli arbitrali dal 1998 mentre dalla stagione 2017/18 è a pieno regime nel novero degli arbitri di Serie A.
L’esordio “vero” con il Grifone è avvenuto per il posticipo della 10ª di ritorno della scorsa stagione (Napoli-Genoa 1-0). In realtà la prima volta con il club calcistico più antico d’Italia sarebbe dovuta avvenire due settimane prima, in occasione di Genoa-Cagliari. La gara non ebbe inizio per l’improvvisa scomparsa del capitano della Fiorentina, Davide Astori, ex della formazione sarda.
Nel corso dell’attuale campionato, Fabrizio Pasqua ha diretto il match interno del Genoa contro il ChievoVerona, terminato con la vittoria rossoblù.
In occasione del recupero della prima giornata di campionato tra Genoa e Milan, l’arbitro della sezione Aia di Tivoli sarà affiancato da Giacomo Paganessi (Bergamo) e Damiano Di Iorio (Verbano-Cusio-Ossola) che andranno a posizionarsi lungo le linee laterali del campo. A vigilare tra le due panchine ci sarà Gianluca Manganiello (Pinerolo) mentre in cabina di regia Var ed aVar siederanno, rispettivamente, Paolo Silvio Mazzoleni (Bergamo) – che incontra nuovamente il Genoa dopo tre giorni – e Luca Mondin (Treviso)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.