Telenord, Onofri: «Tante occasioni create con Chievo, Frosinone e Udinese, ma manca il centravanti decisivo»

L'ex capitano del Genoa: «Le scelte tattiche di Prandelli potevano anche starci compresa la posizione di Sturaro. Semmai è illogico che i giocatori non siano messi nei ruoli giusti»

885
Claudio Onofri (Foto Pianetagenoa1893.net)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Giocare in modo prudente? Contro l’Udinese è stata una scelta frutto della situazione di classifica. Erano loro che dovevano rischiare». Nel corso di We Are Genoa su Telenord, Claudio Onofri ha spiegato le motivazioni della prestazione mediocre del Genoa a Udine. «Le scelte tattiche di Prandelli potevano anche starci – ha proseguito Onofri – compresa la posizione di Sturaro. Semmai è illogico che i giocatori non siano messi nei ruoli giusti. Il modulo semmai lo cambi in corso d’opera ma è anche vero che l’Udinese ha fatto un gol di una precisione tale, che io colpe precise di un difensore non ne vedo. Poi però nel secondo tempo con due punte hai creato tanti pericoli. Ma era una partita stregata. L’Udinese ha creato pericoli solo dopo il gol del 2-0».

Onofri ha sottolineato la “radice” dei mali del Grifone: «Purtroppo però il vero problema è che hai dato via un centravanti che ha segnato anche stasera e tu, in tre partite contro Chievo, Frosinone e Udinese, hai portato tanti palloni in area ma non ne hai sfruttato nemmeno uno».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.