(S)Visti da lontano – Preziosi non riesce a vendere? Affidi la gestione del Genoa a dirigenti–tifosi

Non potranno certo fare peggio dei professionisti, costeranno meno e soprattutto si potrà poi dire che è “colpa” dei supporter

8097
Federico Santini Genoa Preziosi

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Per anni i presidenti e molti addetti ai lavori hanno considerato i tifosi il male del Genoa.

Per anni la “colpa” degli insuccessi del Grifone è stata scaricata sui tifosi.

Per anni si è detto che l’eccessiva pressione e umoralità della piazza rendeva impossibile fare calcio (non come alla Sampdoria….)

Ricordate?  “I colpevoli ovunque”.

Questo maledetto Covid ha smontato finalmente questo raccapricciante teorema secondo cui il male del Genoa sono i suoi tifosi.

Il Genoa da quasi 1 anno gioca senza pubblico, senza fischi, senza pressioni, senza contestazioni.

Ma il Genoa affonda. Cinque punti in 9 partite. Due punti nelle ultime otto. Quarta sconfitta di fila. Quarta sconfitta casalinga consecutiva.

Il Genoa ora affronterà Fiorentina, Juventus e Milan, per poi dover visitare Benevento e Spezia (fuori casa) sotto Natale.

Non serve essere degli indovini per capire che il Grifone arriverà alla doppia sfida con le neo promesse nella migliore delle ipotesi con 6 punti.

Del resto se una squadra non riesce a fare punti con le terzultime Torino e Parma in casa, significa che è una squadra materasso.

Per anni Preziosi ha fatto la corsa per arrivare in vantaggio sulla terz’ultima, con la certezza che 2 squadre su 3 sarebbe state già spacciate a Natale.

Peccato che quest’anno sia il Genoa una delle due squadre spacciate a Natale. Questa squadra farà fatica a fare 25 punti.

Ora Preziosi ha avviato la solita disperata rivoluzione cambiando direttore sportivo. Vogliamo essere chiari. Faggiano ha costruito una squadra inadeguata, fatta di presunte bandiere più simili a ex calciatori che ad atleti, giovanotti pluri-tatuati molto poco interessati alle sorti del Club più antico d’Italia e a calciatori in cerca di rilancio ma che “non stanno in piedi”.

La responsabilità è però di Preziosi e basta, che ha deciso di passare da Presidente vincente a perdente.

Come tifosi genoani siamo stufi delle scuse e delle lacrime di coccodrillo.

Lanciamo una idea. Preziosi non riesce a vendere (dice)? Cambi i vertici societari e affidi la gestione della società a un gruppetto di dirigenti – tifosi. Non potranno certo fare peggio dei professionisti, costeranno meno e soprattutto si potrà poi dire che è “colpa” dei tifosi.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.