SportWeek: ennesima rivoluzione Genoa, ma stavolta pare riuscita

Piatek, Kouamé e Favilli: potenziale esplosivo

1776
Esultanza Genoa (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Non è altissimo (183 cm) e sembra lento, ma Krzysztof Piatek può davvero essere un interessantissimo innesto estivo per il Genoa. Così contro il Lecce il nuovo attaccante polacco del Grifone s’è preso la scena, quaterna possente, dimostrazione di abilità sopraffine nel gioco aereo e movimenti letali nell’area di rigore avversaria. Accanto a lui potrebbe agire Christian Kouamé, appena acquistato dal Cittadella, giovane che fa della progressione il suo punto di forza. Indietro nelle gerarchie al momento parte Andrea Favilli, uno sul conto del quale si dicono gran belle cose. Fisico e tecnica, prospetto in procinto di consacrarsi in Serie A. Insomma, segnala l’edizione odierna di SportWeek, il Genoa ha tutti gli ingredienti adatti per stupire.

All’interno dell’edizione brossurata di SportWeek, 170 pagine in edicola stamani, trova posto un accurato dossier sulle 20 di A: il Grifone ai raggi x scopre la carta Piatek e il ritorno in Italia di Mimmo Criscito, uno che porta qualità in difesa e pericolosità in attacco, pur se delude la partenza di Laxalt all’ultimo. L’uruguagio è rimasto sull’uscio tutta l’estate e alla fine è davvero partito. A quel punto il Genoa ha provato a prender Bertolacci, uno che s’è regalato gli anni migliori in carriera proprio in riva al mar Ligure, senza però riuscirvi. Poco male, due stelle su cinque e via alla stagione.

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.