Sportmediaset, Serie A disposizioni gare: massimo 300 persone negli stadi, vietato protestare con l’arbitro e avvicinarsi

Ecco il nuovo disciplinare della Lega: vietate le strette di mano, protocollo igienico-sanitario rigidissimo, solo 10 giornalisti per gara

2010
Pandev Genoa
Il sinistro di Pandev (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sportmediaset ha anticipato il disciplinare delle gare stabilito dalla Lega serie A che entrerà in vigore in caso di via libera del Governo, atteso dopo l’incontro del 28 maggio. La capienza massima sarà di 300 persone, mentre non ci saranno contatti con gli arbitri prima dell’inizio: inoltre i giocatori e staff tecnico durante le partite non potranno protestare e avvicinarsi a meno di 1,5 metri dal direttore di gara. Sono vietate le strette di mano e non ci saranno più le mascotte. Ecco le disposizioni punto per punto.

ACCESSO AGLI IMPIANTI

Stadio diviso in tre zone: Area tecnica, spalti, area esterne stadio.Massimo 300 persone in totale. Massimo 100 per zona. Le linee guida specificano dettagliatamente il numero delle persone nella varie zone in momenti diversi durante lo svolgimento della gara. Per esempio con il calcio d’inizio fissato alle 14, dalle 14 alle 17 sono previsti 22 giocatori in campo, 22 riserve e 20 dello staff. Il numero dei calciatori cala a 4 alla fine dell’evento. Anche i raccattapalla saranno 4. Regolamentato anche il numero dei giornalisti sugli spalti (10), degli steward e di tutti i membri della sicurezza.

ARRIVO ALLO STADIO 
Arrivo della squadra con diversi autobus/mezzi di trasporto (aumentare la distanza di sicurezza o utilizzo mascherine facciali). Squadre e arbitri arriveranno a orari diversi. Per la squadra di casa si raccomanda l’arrivo dei calciatori con le rispettive autovetture.

SPOGLIATOI
Utilizzare più stanze libere adiacenti possibile in modo da separare titolari, portieri e riserve. Non sarà permessa alcuna ripresa televisiva all’interno degli spogliatoi igienizzati.

CERIMONIALE DI GARA
Le squadre entreranno in campo in frangenti diversi onde evitare assembramenti. Vietate le strette di mano, la foto di squadra, non ci saranno mascotte e nemmeno i bambini che accompagnano di solito i calciatori.

LE INTERVISTE
Sia le interviste mini flash (fine primo tempo) che la super flash (fine gara) dovranno rispettare le distanze tra giornalista e calciatore di almeno 1,5 metri e realizzare con microfono boom. La Mixed zone rimarrà chiusa. Conferenza stampa modello F1: domande via skype-whatsapp, con presenza massima garantita di numero 3 titolari di diritto.

REQUISITI IGIENICO-SANITARI
Sono ovviamente previste rigidissime norme igieniche-sanitarie per garantira la massima sicurezza di tutti i presenti allo stadio. Tra squadre la misura delle temperatura corporea, utilizzo di disinfettanti, alimenti preparati e già confezionati, bottigliette d’acqua personalizzate, uso docce-spogliatoi in piccoli gruppi e con distanza minima di 2 metri.

NOVITA’ ARBITRALI
Nessuna persona potrà accedere alla stanza/spogliatoio degli arbitri. Kit e distinte saranno posizionate fuori dalla stanza riservata ai direttori di gara. Non ci saranno più raduni arbitrali. I calciatori non potranno più protestare nei confronti degli arbitri e non potranno avvicinarsi per alcuna ragione a meno di 1,5 metri di distanza.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.