Sebastian Eriksson è a Parigi: lo attende il Genoa

Il capitano dell'IFK Göteborg prossimo al ritorno in Italia

6258
Sebastian Eriksson
180513 IFK Göteborgs Sebastian Eriksson under fotbollsmatchen i allsvenskan mellan IFK Göteborg och Norrköping den 13 maj 2018 i Göteborg. Foto: Michael Erichsen / BILDBYRÅN / Cop 89

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il romantico legame con l’IFK Göteborg lui, Sebastian Anders Fredrik Eriksson, lo alimentò anche ad Agrinio, in Grecia, quando firmò un contratto con il Panetolikos. Quando dunque vi fu l’opportunità di tornare in Svezia, e parliamo del gennaio 2019, il centrocampista non ci pensò due volte. Accettò la corte dei Blåvitt 18 volte campioni d’Allsvenskan e si presentò menzionando innanzitutto la motivazione alla base del suo trasferimento: «Hemma är hemma». Tradotto, «casa è sempre casa».

Una casa che oggi, a meno di un anno, potrebbe però cambiare. Eriksson sarebbe vicino a raggiungere il connazionale Albin Ekdal a Genova, stavolta vestendosi però di rossoblù. In Svezia danno la trattativa indirizzata verso binari favorevoli: sia l’Expressen che il Göteborgs-Posten hanno fatto capire che è questione di ore per la fumata bianca, il silenzio criptico del dirigente Pontus Farnerud, che interpellato a proposito s’è limitato a un no comment, sarebbe una conferma ulteriore.

Galeotta fu una foto, scattata in mattinata, ritraente Sebastian Eriksson nell’aeroporto di Göteborg Landvetter, accompagnato dall’agente Stefan Selakovic e dall’avvocato Carl Fhager. Non è sfuggito agli occhi più attenti come Selakovic e la sua Global Soccer Management avessero già avuto a che fare in passato col Genoa, gestendo tra i propri assistiti l’ex genoano Oscar Hiljemark. Il trio, diretto a Parigi, potrebbe dunque dirigersi verso il Cristoforo Colombo, dato il permesso già accordato dall’IFK Göteborg al calciatore.

La fumata bianca è accompagnata da un curioso dettaglio: Francesco Marroccu, oggi ds del Genoa, volle Eriksson al Cagliari nell’agosto 2011. In Italia non lasciò traccia, pure per le scorie della rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro patita coi Blåvitt, mentre adesso ‘Sebbe‘ è pronto a ripetersi con la maglia del club più antico d’Italia.

A discapito del triennale firmato con l’IFK, in scadenza nel 2021, Eriksson lascerà l’Allsvenskan dopo una mezza stagione fatta di 16 presenze e due reti – tra cui quella del 2 novembre sull’Östersund FK – e una duttilità (nasce mediano ma è impiegato pure come esterno offensivo o terzino destro) che potrà risultare utile al Grifone.

Proprio perché perno della squadra che ha concluso al settimo posto l’ultima Allsvenskan, oltre che per la leadership che ha indotto la società a porgli al braccio la fascia da capitano, Eriksson sarà difficile da sostituire nell’organico di Poya Asbaghi: stando all’Expressen però il tecnico sarebbe già stato informato della decisione del calciatore circa il prossimo trasferimento in Serie A.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.