Il sogno scudetto del Genoa femminile Under 17 s’infrange contro la Juventus

L'anno prossimo le ragazze di Francomacaro saranno una formazione Primavera o una prima squadra nazionale

1879
Genoa Francomacaro

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il sogno scudetto s’infrange contro le più forti. Il cammino dell’Under 17 femminile del Genoa si ferma in semifinale contro la Juventus, squadra strutturata ben al di sopra del livello del torneo. 4-0 il punteggio complessivo per le bianconere che hanno schierato addirittura nove Nazionali, quattro delle quali 2001 che giocano stabilmente in prima squadra. Un divario enorme soprattutto dal punto di vista fisico come conferma ai microfoni di Pianetagenoa1893.net mister Cristiano Francomacaro: «Il regolamento consentiva di portare con sé quattro elementi più grandi. Loro hanno pescato il meglio del meglio dalla squadra maggiore mentre noi abbiamo deciso di puntare sulle nostre ragazze genovesi, senza prestiti».

La Juventus avanza in finale; il Genoa si giocherà la medaglia di bronzo contro la Roma, battuta ai rigori dall’Inter. «Non ho nulla da rimproverare alle mie ragazze. Il rammarico è che questa Juve non era quella contro cui solitamente ce la siamo giocata: le aggiunte consentite dal regolamento l’hanno resa un dream team. Non tutte le squadre possono permetterselo» aggiunge Francomacaro, comunque orgoglioso della sua squadra. Nella “finalina” di Gatteo a Mare le Grifoncine proveranno a laurearsi terza squadra d’Italia. Prima, però, un giorno di riposo davanti al mare di Romagna, stop utile a ritrovare le forze. A prescindere dal risultato della partita di domani (orario ancora da comunicare) il bilancio della stagione rossoblù si chiude con un incoraggiante segno positivo.

Dopo la partita con la Roma, l’Under 17 femminile del Genoa giocherà un torneo a Begato il 9 giugno (derby in programma). Durante l’interruzione estiva la società dovrà decidere il futuro della selezione Under 17 tra il normale sviluppo in una compagine di Primavera oppure il doppio salto in prima squadra.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.