Schöne al centro di tutto: qualità sopraffina per il Genoa

Thiago Motta deve costruire il centrocampo rossoblù attorno al danese

1739
Genoa Schöne
Lasse Schone (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Schöne, ombelico del Genoa. Il compito di Thiago Motta, ora che ha trovato un vero metodista, è quello di solidificare la fase di non possesso visto che il Grifo ha la seconda peggior difesa d’Europa. In che modo? La scelta più logica ricadrebbe su due mezz’ali di contenimento al fianco del danese. Due interditori come Cassata e Lerager, ad esempio, che garantiscono dinamismo e copertura nella zona nevralgica del campo. L’esperimento suicida praticato nel secondo tempo con l’Udinese deve essere formativo per mister Motta, una serie di errori imputabili esclusivamente all’inesperienza del tecnico paulista.

Il Genoa deve ripartire da una rinnovata fase difensiva riscoprendo soprattutto il gusto di non subire oltremodo l’avversario. L’esatto contrario di quanto accaduto domenica allorché nemmeno sei attaccanti sono riusciti a ribaltare l’inerzia del match a favore dei friulani. La ricerca della vittoria non può prescindere dal rispetto dell’organizzazione difensiva. Solo le prossime partite, ciascuna delicata a suo modo, diranno se Thiago Motta ha veramente capito il peso e l’importanza del punto gettato alle ortiche contro l’Udinese. Dopo undici giornate, quasi un terzo di campionato alle spalle, i rossoblù non possono più scherzare o lanciarsi in esperimenti improbi.

La difesa a quattro è l’abito giusto per le caratteristiche di Ghiglione, Romero, Zapata e Criscito. Il centrocampo, invece, deve essere rifondato sulla qualità sopraffina di Schöne: ai suoi piedi la palla è al sicuro e parimenti si sente sicuro ogni altro compagno di squadra. Il danese ex Ajax, che farebbe comodo a ogni top club di Serie A, deve diventare il valore aggiunto delle partite del Grifone. Proprio come ha fatto a Torino contro la Juventus. Lui che ha una visione del gioco superiore a ogni altro calciatore in rosa. Schöne, ombelico del Genoa, di un nuovo Genoa, che deve dare l’assalto a un traguardo ancora lontanissimo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.