Romulo: «Speriamo di suonare gli avversari a ritmo di samba»

Il giocatore del Genoa spiega: «Il mister sarebbe il nostro Zeca Pagodinho, per metterla in musica. Un maestro nel genere»

1954
Romulo
Romulo in azione (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«C’era un volta, aü campo dö Zena, uno striscione che campeggiava fiero. Sfondo giallo, recitava così: ‘Genoa bailando o ritmo do samba”. Chissà che gli avversari non tornino a essere suonati come tamburi, rispetto allo spartito striminzito degli ultimi mesi». Il sito ufficiale del Genoa ha formulato questo auspicio che ha girato a Romulo. «Speriamo di sì…» è la risposta del giocatore che prova a fare un paragone di tipo musicale: «Il mister sarebbe il nostro Zeca Pagodinho, per metterla in musica. Un maestro nel genere…». insomma un gioco armonioso, che il tecnico sta cercando di formare. «La samba forse è più energica, il paragone un po’ forzato. Però il suono del pallone è piacevole quando viaggia veloce. Eccome se ce ne stiamo accorgendo». In ritiro il centrocampista divide la camera con il connazionale Jandrei. un connubio carioca molto simpatico. «L’unico intoppo è quando si sveglia la notte» conclude Romulo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.