Rezza: «Personalmente non sono favorevole alla ripresa del campionato, ma sarà la politica a decidere»

Il direttore del dipartimento di Malattie Infettive dell'Istituto Superiore di Sanità nella conferenza stampa della Protezione Civile: «Il Comitato tecnico scientifico sul tema ancora non si è espresso»

302
Giovanni Rezza (a sinistra) con Angelo Borrelli durante la conferenza stampa della Protezione Civile

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Il Comitato tecnico scientifico sul tema ancora non si è espresso, ma se dovessi dare un parere tecnico non sarei favorevole. Poi sarà la politica a decidere». Giovanni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità e componente del comitato tecnico scientifico, ha espresso la sua opinione contraria alla ripresa dei campionati di calcio nel corso della consueta conferenza stampa del Dipartimento della Protezione Civile. Rezza ha fatto una battuta per sdrammatizzare: «Io sono romanista, quindi manderei tutto a monte». Subito dopo ha spiegato i motivi della sua opinione: «Il calcio è uno sport di contatto quindi comporta dei rischi di trasmissione. Qualcuno ha proposto un monitoraggio stretto sui calciatori, con test quasi quotidiani, a me sinceramente sembra un’ipotesi un po’ tirata. E poi siamo quasi a maggio».

Al minuto 23:04 del video si può ascoltare l’intervento di Rezza.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.