Retegui dopo Borriello, secondo genoano all’Europeo: «Che gioia»

L'attaccante del Genoa confermato dal ct Spalletti

Retegui Nazionale Italia
Mateo Retegui in campo con l'Italia (foto @NicoMorassutti)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Mateo Retegui è il secondo calciatore della storia del Genoa e della Nazionale italiana ad essere stato convocato per un campionato Europeo, esclusa la fase di qualificazione. Dal 2008 al 2024, sedici anni dopo è ancora un centravanti rossoblù a vestire la maglia Azzurra alla manifestazione continentale: Borriello giunse al torneo che si disputò in Austria e Svizzera, che l’Italia concluse ai quarti di finale – gli ottavi non erano ancora stati introdotti – persi ai rigori contro la Spagna, reduce da un anno superlativo con Gasperini (19 in 35 partite in Serie A). Il ct Donadoni lo convocò ma non lo impiegò neppure per un minuto.

Il destino di Retegui, oriundo di San Fernando, sarà diverso perché oggi la Nazionale italiana, come quella tedesca, vive una crisi di vocazione del n. 9 e, di conseguenza, non dispone della stessa qualità della batteria d’attaccanti dell’epoca (Del Piero, Toni, Di Natale, Quagliarella, Cassano e Borriello). Mateo, fiero della sua appartenenza al Genoa, se la giocherà con Scamacca dell’Atalanta, lanciato in Azzurro ancora una volta da Gasperini. Corsi e ricorsi storici. «Che gioia e che orgoglio! É davvero un’emozione incredibile! Forza Azzurri» scrive Retegui sui social. L’esordio dell’Italia è in programma per il 15 giugno, al Westfalenstadion di Dortmund, contro l’Albania.

Nella sua lunga storia, il Genoa ha dato cinque calciatori all’Italia per i Mondiali (Genta e Perazzolo nel 1938, Bocchetti e Criscito nel 2010, Perin nel 2014), due per l’Europeo e solo uno per la neonata Nations League (Sirigu nella stagione 2020-2021). L’elaborazione delle statistiche parte dal 13 gennaio 1910, data dell’istituzione della Nazionale, e dalla sua prima partita ufficiale disputata contro la Francia, battuta 6-2 all’Arena Civica di Milano il 15 maggio dello medesimo anno.

Genoa Pianetagenoa1893.net Gilardino Gudmundsson Whatsapp

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.