Repubblica Genova – Savoretti: «Il mio colpo di fulmine per il Genoa in braccio a papà»

Il cantautore italo-inglese ricorda le gare in Coppa Uefa col Liverpool: «Ero seduto sulle ginocchia di papà, mi faceva volare per aria»

Savoretti
Un sorridente Jack Savoretti (dalla sua pagina Facebook)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Quando ero piccolo, lui viaggiava molto, e quando tornava era una festa, per noi era un po’ come Babbo Natale; era il nostro eroe!». In un’intervista all’edizione genovese de La Repubblica, il cantautore italo-inglese Jack Savoretti ha raccontato come avvenne il colpo di fulmine per il Genoa quando era bambino: una passione nata grazie a suo padre. «Ogni volta che eravamo insieme – prosegue – ci divertivamo a giocare a pallone, andavamo spesso allo stadio. A 7 anni ricordo la mitica Coppa Uefa con Genoa e Liverpool, e da allora sono diventato un genoano sfegatato». L’autore dell’ultimo disco composto in lingua italiana, Miss Italia, aggiunge un particolare: «Ero seduto sulle sue ginocchia, non avevo il biglietto, è stato un giorno emozionantissimo, mi faceva volare per aria!».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.