REPUBBLICA GENOVA – Faggiano meteora come Lo Monaco. L’ultimo strappo con i senatori

Il retroscena: il duro confronto con i calciatori dopo la sconfitta a Udine ha fatto scoccare la scintilla, ma il rapporto tra il Genoa e l'ex ds si era già indebolito

6455
Faggiano Genoa
Il direttore sportivo del Genoa Daniele Faggiano (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

L’edizione genovese de La Repubblica riporta oggi un retroscena riguardante il licenziamento in tronco di Daniele Faggiano. L’ex direttore sportivo si era irritato per un episodio particolare: pochi giorni dopo la sua nomina a direttore sportivo «per i suoi modi spicci e l’atteggiamento dittatoriale», spiega il quotidiano, era stato paragonato a Pietro Lo Monaco che era stato nominato a fine maggio 2012 general manager del Genoa da Enrico Preziosi. Il quotidiano riporta ancora una frase di Faggiano: «Non farò la fine di Lo Monaco». Quest’ultimo è durato in carica 60 giorni, Faggiano invece 113.

Inoltre, il direttore avrebbe avuto un duro faccia a faccia con la squadra dopo la sconfitta di Udine. Sembra che Faggiano abbia minacciato una grande purga nel mercato di gennaio, mettendosi contro tutti i senatori del gruppo: aveva affermato di parlare anche a nome del presidente, che invece non gli aveva concesso la libertà di entrare nello spogliatoio per svolgere questa dura reprimenda. Tuttavia, conclude il quotidiano, il rapporto tra il Genoa e l’ex ds si era già indebolito da un po’ di tempo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.