Promossi e Bocciati: il Genoa sbanda, Iago illumina ma entra tardi

Grifone ko, gambe pesanti per la preparazione e assenza di ritrmo partita

4631
Iago Falque Genoa

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Le pagelle di Genoa-Parma. La partita del Ferraris è terminata con il punteggio di 1-4: gol gialloblù di Cornelius (bissa la tripletta dell’andata) e Kulusevski, sigillo rossoblù di Iago Falque su calcio di rigore. Nel primo tempo Sepe incanta Criscito dal dischetto.

Genoa 5

Perin 5 – Un miracolo e un errore da matita blu su Cornelius, poi la tanto bella quanto inutile parata su Kurtic nel finale

Romero 5 – Rimandato. Lento e confuso. L’attenuante generica è l’assenza di ritmo nelle gambe

Soumaoro 5 – Il gigante francese dorme su almeno due gol. Deve reagire già dalla trasferta di Brescia

Masiello 5 – Primo tempo in ambasce, cresce nella ripresa con esperienza e pulizia d’intervento (73′ Barreca sv – Con lui il Genoa passa a quattro ma il terzino ha pochi minuti per mettersi in luce)

Biraschi 5 – Gioca tutta la partita sulla fascia per contrastare Gervinho, un brutto cliente. Ci riesce ma solo in parte

Cassata 5 – Gira a vuoto, prende un giallo (46′ Iago Falque 7 – Ispira il rigore e lo mette in rete: con lui è un altro Genoa, più pungente, rapido e imprevedibile)

Schöne 5 – Meglio nel secondo tempo, con Sturaro e Behrami ai suoi fianchi: il centrocampo “pre-covid” è sempre una garanzia

Sturaro 5 – Mezz’ala senza un punto di riferimento. Un pò da tutte le parti ma senza impressionare

Criscito 5 – L’errore dal dischetto pesa perché avrebbe portato al pareggio. Esce per infortunio muscolare e la faccia non promette niente di buono (57′ Behrami 6 – Nicola lo piazza davanti alla difesa. In campo ha dato l’anima)

Pandev 5 – Stanco, accusa la sosta. Ci vorrà del tempo prima di rivederlo al massimo della condizione fisica (57′ Pinamonti 5 – Qualche movimento buono ma mai la cattiveria adeguata al ruolo)

Favilli 5 – Un solo sussulto, poi nessun altro pallone utile a un attaccante che per caratteristiche necessita di cross e appoggi (67′ Destro 5 – Entra quando la gara è compromessa. La frustata di testa allo scadere meritava migliore sorte)

Allenatore Nicola 5 – Mette in camp una formazione che, poi, ribalta con cinque cambi. I carichi di lavoro durante queste settimane sono stati molto pesanti

Parma 7 – Sepe 7; Laurini 6 (67′ Darmian 6), Iacoponi 6, Alves 6 (78′ Dermaku sv), Gagliolo 6; Kurtic 7, Hernani 6 (63′ Kucka 6), Brugman 6 (78′ Scozzarella sv); Kulusevski 8, Cornelius 8, Gervinho 5 (67′ Barilla 6). Allenatore D’Aversa 7.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.