Probabili formazioni Verona-Genoa: agitiamo i bussolotti

Allo stato attuale, con la squadra ancora in difficoltà per il Covid a causa della forma precaria, è difficile stabilire chi potrà scendere in campo al Bentegodi: ne forniamo due ipotesi

21449
Bani Genoa
Mattia Bani in allenamento (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte lo ha sancito stasera: gli sport professionistici proseguiranno l’attività, incluso quindi il campionato di calcio di serie A. Dunque ha vinto la linea dello «show must go on», nonostante ci siano ben 35 positivi nei club e il numero sembra al momento aumentare ogni giorno: chi scrive ha espresso sempre forti perplessità sul prosecuzione della stagione precedente e sull’inizio di quella attuale. Ma, considerato che lo spettacolo deve continuare a tutti i costi (Malagò all’Ansa: «Nessuna decisione avventata sullo sport») si deve parlare, nonostante il Coronavirus che impazza, di pallone, di schemi ed amenità varie.

E veniamo a Verona-Genoa. A tutt’oggi sono dunque risultati negativi ai tamponi in otto: Zajc, Perin, Marchetti, Radovanovic, Behrami, Biraschi, Melegoni e Schöne. Restano positivi in nove: Cassata, Lerager, Pellegrini, Pjaca, Zappacosta, Destro, Brlek, Criscito e Males. Considerato che tutti i giocatori negativi sono stati recuperati in settimana, è molto difficile (a proposito, fino alle ore 22.35 odierne manca ancora l’elenco dei convocati rossoblù, in cui immaginiamo che includa anche diversi Primavera), se non quasi impossibile, capire se quali di essi saranno nelle condizioni fisiche accettabili per scendere in campo domani sera al Bentegodi. Sembra quasi come agitare dei bussolotti con i dadi per comporre la probabile formazione in grado di giocare: un problema non da poco per Maran che, nel caso in cui riuscisse a conquistare punti, dovrebbe essere portato in trionfo a Pegli.

Ad ogni modo ci proviamo a stilarla: anzi, a proporne due. Una col 3-5-2 e l’altra col 4-4-2. Primo problema: in porta Perin oppure Paleari? Il nuovo portiere non è stato toccato dal Coronvirus e si è allenato con costanza: possibile che sia il favorito. In difesa, nel primo modulo, Goldaniga, Zapata e Bani: in caso di 4-4-2, possibile Masiello a sinistra a fare “catena” con Czyborra, mentre a destra ci sarebbero Goldaniga e Ghiglione. Quest’ultimo ci sarebbe anche nel 3-5-2. E veniamo alla mediana: nel 3-5-2 è Badelj, Radovanovic (sperando che abbia recuperato) e Rovella; nel 4-4-2 ci sarebbero i primi due, in alternativa Rovella al posto del serbo anche se sarebbe una linea più leggera. Con Destro ancora out, l’attacco dovrebbe essere composto da Pandev e Shomurodov. Fischio d’inizio dell’arbitro Rapuano di Rimini alle 20:45: passo e chiudo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.