Probabili formazioni: Genoa che fa punti si cambia poco

Molto probabilmente Maran apporterà soltanto dei ritocchi alla formazione del derby, come Behrami: il Torino è alla portata del Grifone

3156
Genoa gol derby Scamacca
Scamacca segna nel derby (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Genoa che fa punti si cambia poco. E’ probabilmente questa la filosofia che potrebbe adottare Maran in vista del recupero di domani contro il Torino al Ferraris: l’avversario è alla portata del Grifone per poter conquistare con tutte le forze la posta piena, rispetto alla Roma che arriverà sempre al Tempio domenica prossima.

Il modulo dovrebbe essere ancora il 4-3-2-1, “l’albero di Natale”. Davanti a Perin, Biraschi, Goldaniga, Zapata e, possibile variante, Pellegrini al posto di Criscito, anche per dare maggior spinta sulla fascia in fase offensiva: viste le condizioni di Belotti, Giampaolo fa pretattica, ma il centravanti potrebbe ancora giocare. Meglio dunque una robusta difesa a quattro. A centrocampo dovrebbe esser schierato Behrami, assieme al regista Badelj e al sorprendente Rovella: affronteranno il trio Meité, Rincon e Linetty. In attacco Pandev e Zajc a sostegno di bum-bum Scamacca: tuttavia è più lo sloveno a svolgere il ruolo del trequartista, con gli altri due che duettano contro la difesa avversaria, in particolare contro Bremer e Nkoulou. Possibili i cambi in corsa con Parigini e Czyborra pronti per le fasce: in attacco, è torna Asoro che con Destro e Pjaca costituiscono valide alternative. Fischio d’inizio dell’arbitro Valeri alle 17, “A las cinco de la tarde” per dirla con Federico Garcia Lorca. Passo e chiudo!

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.