Primocanale: Salvezza già mercoledì? Ma il Genoa rifletta sull’ennesima stagione horror

Giovanni Porcella: «Forse l'ennesima pezza e' stata messa, ma occorerà che la dirigenza con in testa il presidente Preziosi rifletta sul cosa fare per il futuro»

5533
Porcella Genoa
Giovanni Porcella (foto da Primocanale)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa si scopre vicino alla salvezza nemmeno giocando. La vittoria del Bologna sul Lecce spinge i salentini verso la serie B mentre Criscito e compagni facendo due conti potrebbero già chiudere la pratica mercoledì sera col Sassuolo a Reggio Emilia addirittura perdendo se i pugliesi non dovessero vincere a Udine. E comunque con due pareggi i rossoblù avranno la garanzia di stare ancora in serie A.

Nicola però tiene alta la guardia e sta studiando come organizzare la formazione che dovrà affrontare il. Sassuolo ormai senza obiettivi. Nessun squalificato, ma da verificare ancora le condizioni di Cassata e di altri come Jagiello che è sempre rimasto in campo nelle ultime partite dando peraltro un contribuito decisivo. Facendo un passo indietro con l’Inter il Grifone è caduto a testa altra rimanendo in partita fino a otto minuti dalla fine. Non tragga in inganno lo 0-3 perchè non rende giustizia al Genoa che puo’ recriminare su qualche episodio ed ha avuto pure delle occasioni per pareggiare la rete di Lukaku contestata per un fallo su Zapata. Jagiello ha sfiorato il pari su punizione mentre l’Inter ha avuto con l’attacco devastante di cui dispone di chiudere la gara.

Ha giocato dal primo minuto il diciannovenne Rovella che ha fatto una buona figura malgrado l’errore nella ripresa quando ha passato a Favilli un pallone che invece andava dato a Pinamonti che poteva scender a rete, ma il ragazzo ha mostrato personalità. Negli ultimi dieci minuti il tracollo con Sanchez e Lukaku che hanno spento la sfida. Ora gli ultimi 180 minuti di una stagione ancora una volta soffertissima e inaccettabile. Forse l’ennesima pezza e’ stata messa, ma occorerà che la dirigenza con in testa il presidente Preziosi rifletta sul cosa fare per il futuro che dovrebbe intanto vedere ancora sulla panchina Nicola unico punto di riferimento in un momento drammatico e che ancora oggi non puo’ dirsi finito, malgrado le disgrazie altrui.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.