Primocanale: Inter forte, ma il Genoa non ha sostituito Zappacosta, Strootman, Scamacca e Shomurodov

Giovanni Porcella: «I quattro schiaffi presi dall’Inter non hanno affatto creato danni al Genoa. Anzi si spera abbia aperto gli occhi a tutti: dirigenti, squadra e tifosi»

3627
Strootman Shomurodov Genoa
Shomurodov strattona Strootman in allenamento (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

I quattro schiaffi presi dall’Inter non hanno affatto creato danni al Genoa. Anzi si spera abbia aperto gli occhi a tutti: dirigenti, squadra e tifosi. Meglio una batosta così indolore per la classifica che la solita melassa compiacente con slogan per finti campioni che non si vedono, tanto per tirare a campare. Invece il buongiorno ricevuti è che se non arriva un poker di giocatori veri, di valore non scommesse o gente al tramonto, la salvezza anche stavolta sarà dura.

Non impossibile ma tutta da conquistare, come da contratto perché più in su del naso il Genoa non può guardare. Nessuna ambizione, nessuna fantasia, solo la sopravvivenza. La scorsa stagione l’arrivo di Ballardini porto la squadra fuori dai guai, ma in quel gruppo oltre alle intuizioni del tecnico c’erano giocatori forti presi dalla società che oggi però non ci sono più e non sono neppure stati sostituiti degnamente. Persino Radovanovic con l’Inter è mancato. Strootman, Zappacosta evaporati, Scamacca ovviamente tornato al Sassuolo, Shomurodov venduto per fare cassa. Con l’Inter in attacco c’erano prima un 2001 e un ragazzo macedone quasi sulla quarantina e poi l’ex punta della Lucchese (serie C) con Favilli. Chissenefrega delle quattro pappine subite con Sirigu che ne ha pure salvate altre. Ma ci si rende conto dei problemi che sono emersi in campo? Perché certe partite non si potranno perdere e presentarsi così bisogna avere coraggio o faccia di bronzo. Preziosi ha dato il via alla solita rivoluzione che ormai non fa notizia, ma ancora una volta c’è la sensazione di precarietà e di confusione. È ciò che denunciano i genoani. Destro e Ghiglione via, ma anche altri sono in partenza, giocatori che invece devono arrivare i cui profili non esaltano è infine c’è un allenatore imbavagliato come tutti dal silenzio stampa annunciato dal club ancora prima del match coi nerazzurri. Quindi deve essere stato qualcosa di scritto o detto ad aver irritato il politik bureau. Domenica il Napoli e quindi altro esame durissimo e poi la sosta che sarà utile per capire se il Genoa diventerà squadra o no con i rischi pericolosi che questa seconda opzione porterebbe. Il tempo stringe, è l’ora dei fatti senza che nessuno si offenda. Per decenza.

Giovanni Porcella – Tratto da Primocanale.it

CLICCA QUI PER COMMENTARE LA NOTIZIA SUL SITO DI PRIMOCANALE

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.