Primocanale – Genoa, sei gol segnati e altrettanti subiti: ecco cosa va e cosa non va

Andreazzoli produce molto in attacco grazie a esterni che sono costantemente proiettati ad attaccare e a tre centrocampisti molto schiacciati verso le punte

1578
Pinamonti Kouamé Genoa
Pinamonti e Kouamé esultano dopo il 3-3 segnato dall'ivoriano (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sei gol segnati, altrettanti subiti. Il Genoa ha una media delle due reti a partita sia realizzate che incassate. Benvenuti sull’ottovolante delle emozioni. Andreazzoli produce molto là davanti grazie a esterni che sono costantemente proiettati ad attaccare e a tre centrocampisti molto schiacciati verso le punte.

A Roma e con la Fiorentina questo gioco si è visto chiaramente e oltre alle prodezze di Pinamonti, Kouamè e Zapata sono state sfornate molteplici palle gol. Un po’ meno con l’Atalanta che non a caso ha vinto la battaglia sulle fasce laterali. Ma i problemi stanno sulla fase difensiva. Evitabili un paio di gol all’Olimpico e anche domenica scorsa è stato concesso troppo alla squadra di Gasperini che comunque va detto, dispone di una batteria di bomber che in pochi hanno in serie A.

Resta il fatto che è lì dietro che Andreazzoli deve lavorare. La coperta a volte rischia di essere un po’ corta e gli interpreti della linea di retroguardia con Romero e compagni a volte restano uomo contro uomo pericolosamente. Quattro punti in tre partite contro avversarie tecnicamente tutte superiori non è per nulla poca cosa, ma ora ci sono due sfide “pesanti” con Cagliari che misureranno questo Genoa che piace ma che non si deve specchiare troppo.

Tratto da Primocanale.it

CLICCA QUI PER COMMENTARE L’ARTICOLO SUL SITO DI PRIMOCANALE

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.