Primocanale: Eldorado con azzardo

Giovanni Porcella: «Non stupisce che Shomurodov sia in vendita. Stupisce semmai chi si stupisce»

5922
Shomurodov Genoa
Eldor Shomurodov (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Non stupisce che Shomurodov sia in vendita. Stupisce semmai chi si stupisce. Il Genoa come peraltro altri club ha necessità di vendere per non sprofondare. Insomma, ci si dovrebbe stupire per come il mondo del pallone e pure i rossoblù siano finiti in bolletta già al tempo delle vacche grasse: come minimo in quegli anni le cicale si sono mangiate le formichine, poi per il resto ognuno si faccia le proprie opinioni che possono pure essere indecenti.

Preziosi dai tempi di El Shaarawy gli va riconosciuto di essere stato coerente: “E se poi si fa male o sbaglia due gol? No voi non potete capire, meglio realizzare subito”, mi disse a margine di una bella serata a Desenzano in periodi in cui si sognava un po’, come risposta ai miei dubbi su una cessione affrettata di un ragazzo dalla carriera che pareva lanciata e infatti fu cosi. Passo’ al Milan. Il resto i tifosi del Genoa sanno che piega prese il mercato rossoblu negli anni a seguire, che comunque a suon di introiti ha tenuto il Grifone in A, sebbene con bilanci affannati. Logico che in questa estate così angosciosa per il covid, che ha steso pure il mondo del pallone, una società come i il Genoa che non ha più calciatori da fare plusvalenze, ha puntato tutto sull’unico che luccica sul campo: l’uzbeko. Eldor diventa così Eldorado del Genoa. Fin troppo facile ma rende l’idea. Venti milioni è il prezzo con la Roma li a guardare la vetrina di Preziosi. Se Eldor dovesse partire i tifosi non la prenderebbero bene (A Bergamo contestano Percassi, avete letto bene, quindi…) e Ballardini chissà.

Preziosi rischia l’azzardo. Un azzardo pesante, ma non è che ha tante alternative, per certi versi è all’angolo, a meno che non riesca a piazzare un paio di giocatori in grado di rinforzare un gruppo che senza il suo “Eldorado” rischia di valere ancora meno dopo che hanno già salutato Scamacca, Perin, Zappacosta e Strootman. Il presidente lo sa, le capacità le ha, poi faccia pure i suoi conti.

Giovanni Porcella – Primocanale.it

CLICCA QUI PER COMMENTARE L’ARTICOLO SUL SITO DI PRIMOCANALE

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.