Primocanale – Da Ravenna a Piacenza riecco Iachini sulla strada del Genoa: ma Ballardini lo mandò in B

Giovanni Porcella: Sabato l'ennesimo scontro fra i rossoblù ed il tecnico marchigiano. Il primo senza tifosi

2823
Ballardini Genoa
Mister Ballardini (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Un film già visto e raccontato dal giugno del 1997. È il rapporto avvelenato tra Iachini e il Genoa. Il tecnico, che sabato arriverà sulla panchina della Fiorentina per affrontare i rossoblu in un match già carico di interessi per la salvezza, fu artefice in campo con la maglia del Ravenna del pareggio per 1-1 alla penultima giornata del campionato cadetto che costò al Grifone la risalita in serie A.

La spinta di oltre diecimila tifosi a Ravenna non bastarono a Ielpo e compagni a vincere, perché i romagnoli di Novellino, squalificato, giocarono alla morte dopo settimane di sconfitte senza scossoni. Segnarono i padroni di casa con Gasparini e il Genoa li capi l’antifona. Arrivò il pari di Masini su rigore ma finì così con Iachini che per tutta la gara incitava i compagni, polemizzava con i genoani e si fece notare per la sua esultanza incontenibile al 90’. Girarono voci e congetture su premi a vincere da parti di altri club in lotta col Genoa, ma i tifosi se la presero con i giocatori rossoblù. Inutile la vittoria sul Palermo.

Ma otto anni dopo, il 5 giugno del 2005, riecco Iachini stavolta allenatore del Piacenza. Allo stadio Garilli, Milito e compagni avevano bisogno, come a Ravenna, di un successo per chiudere la cavalcata in A. Invece il match fu pieno di tensioni in campo e sugli spalti, dove c’erano 16.000 tifosi giunti da Genova. La battaglia con ammoniti ed espulsi e rissa conclusiva, terminò 2-2. Fuori dallo stadio Iachini fece il dito medio alzato verso alcuni sostenitori del Grifo. Le prodezze di Stellone e Rossi non furono sufficienti e come si sa quella stagione si chiude tragicamente col caso Venezia e la conseguente retrocessione in C.

La “vendetta” arrivo 6 anni più avanti. Era il 27 aprile del 2011. Il Brescia di Iachini era sull’orlo della caduta in B. E giunse a giocarsi le ultime carte al Ferraris, proprio col Grifone allenato da Ballardini. Stadio quasi pieno solo per Iachini, che perse la testa sotto un nubifragio di fischi per tutto l’incontro. E il resto lo fecero i rossoblù: 3-0 con gol di Rafinha e Antonelli e un’autorete di Berardi. Il tecnico alla fine venne pure esonerato e in sala stampa fece polemiche con chi gli faceva domande non gradite. Sabato altro appuntamento di una storia infinita, con l’inedito palcoscenico senza pubblico.

Giovanni Porcella – Tratto da Primocanale.it

CLICCA QUI PER COMMENTARE L’ARTICOLO SUL SITO DI PRIMOCANALE

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.