Primocanale – Coronavirus, nuova ordinanza Regione Liguria contro il contagio

Il nuovo provvedimento blocca fino al 3 aprile gli spostamenti inutili e lo spostamento verso le seconde case

2399

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La Regione Liguria vara una nuova stretta per provare a limitare la diffusione del Coronavirus. Arriva infatti un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Giovanni Toti riassumibile in tre punti.

Nel primo è dato incarico ai 234 sindaci della Liguria di individuare i luoghi ritenuti “idonei a potenziali assembramenti”, a loro discrezione e con la possibilità di variare le aree interdette per i giorni festivi e feriali. In questi luoghi, come spiega il secondo punto, saranno “vietati la presenza e gli spostamenti di persone fisiche, secondo le modalità indicate dagli stessi sindaci dalle ore 00,00 di sabato 21 marzo fino alle ore 24 di venerdì 3 aprile”. Infine è vietato nello stesso periodo lo spostamento delle persone fisiche dalla loro residenza o abituale domicilio, presso le seconde case.

LEGGI QUI LA NUOVA ORDINANZA DELLA REGIONE LIGURIA

Il governatore Toti nel corso della conferenza stampa serale si è detto contrario alla chiusura dei supermercati nei weekend: “Comporterebbe una corsa all’acquisto di generi alimentari” e creerebbe il rischio di persone che si affollano al sabato sera nei supermarket prima della chiusura, ha spiegato. “La distanza tra le persone e il fatto di non avere luoghi affollati è una priorità – ha aggiunto Toti – e chiedo uno sforzo assoluto alle compagnie della distribuzione alimentare per garantire l’apertura più estesa possibile degli esercizi commerciali in modo che si possa diluire il numero delle persone che ci vanno dentro nell’arco della giornata”.

Intanto scatta sabato la task force voluta dal sindaco di Genova e presidente della Città Metropolitana per evitare gli assembramenti durante il weekend e limitare gli spostamenti senza motivo delle persone con circa 500 uomini delle forze dell’ordine impegnate a sorvegliare le strade e gli accessi alle passeggiate al mare e nell’entroterra in modo da scoraggiare eventuali scampagnate fuori norma (LEGGI QUI).

#stiamoceneacasa è l’hastag simbolo in cui è contenuto il messaggio lanciato dal sindaco di Valbrevenna a chi è solito frequentare le frazioni del centro d’entroterra durante i fine settimana. Tutti i sindaci della Valle Scrivia si sono uniti all’appello di restare a casa ed evitare inutili uscite nel fine settimana come nel resto dei giorni (LEGGI QUI).

Tratto da Primocanale.it

CLICCA QUI PER COMMENTARE LA NOTIZIA SUL SITO DI PRIMOCANALE

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.