Primocanale – Coronavirus, la situazione in Liguria: oltre 3mila casi positivi e quasi 500 vittime

Sono 32 i decessi in più rispetto a ieri. I clinicamente guariti (ma restano positivi e sono al domicilio) sono 460 (48 più di ieri). I guariti con 2 test consecutivi negativi sono 95 (27 più di ieri)

376

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ammontano a 3103 le persone positive al Covid-19 in Liguria, 185 in più rispetto a ieri e sono salite a 460 le vittime. Secondo i dati relativi ai flussi tra Alisa e Ministero, dei positivi totali, 1293 sono gli ospedalizzati, di cui 179 in terapia intensiva; sono al domicilio 1350 persone (176 più di ieri), clinicamente guariti (ma restano positivi e sono al domicilio) 460 (48 più di ieri).I guariti con 2 test consecutivi negativi sono 95 (27 più di ieri), le persone decedute sono 460 (32 più di ieri).

IL BILANCIO IN DETTAGLIO – Le persone ospedalizzate sono 1293 di cui 179 in terapia intensiva così suddivisi: Asl 1 – 200 (25 in terapia intensiva), Asl 2 – 180 (di cui 32 in terapia intensiva), San Martino – 302 (di cui 43 in terapia intensiva), Evangelico – 68 (di cui 8 in terapia intensiva), Ospedale Galliera – 146 (di cui 17 in terapia intensiva), Gaslini – 2, Villa Scassi – 168 (di cui 24 in terapia intensiva), Asl 3 globale – 175 (di cui 24 in terapia intensiva), Asl 3 Gallino Pontedecimo – 7 , Asl 4 – 81 (di cui 11 in terapia intensiva), Asl 5 – 139 (di cui 19 in terapia intensiva), Le persone in sorveglianza attiva sono 3213, così suddivise: ASL 1 – 716, ASL 2 – 591, ASL 3 – 980, ASL 4 – 437, ASL 5 – 489.

Da inizio emergenza ad oggi, sono 60 i pazienti guariti sui 125 ricoverati nella Clinica di Malattie Infettive dell’ospedale San Martino di Genova. Lo ha reso noto il direttore del reparto, Matteo Bassetti, comunicando il dato nel bollettino odierno diffuso dal policlinico sull’emergenza coronavirus. Ad ora sono 39 i pazienti ricoverati nel reparto di Malattie Infettive dell’ospedale San Martino, 43 nelle 3 rianimazioni del Policlinico più 7 pazienti in terapia sub intensiva, 30 al Padiglione 10, 80 al Padiglione 12, 29 al 5° piano della palazzina laboratori, 53 invece quelli gestiti al 1° piano del Pronto Soccorso e 28 al Maragliano.

ASSISTENZA PAZIENTI A DOMICILIO – Sul territorio genovese da domani, giovedì 2 aprile, saranno operative cinque squadre Gsat, che andranno a implementare un primo nucleo di Gsat attivo dall’11 marzo. I Gsat vengono costituiti per garantire l’assistenza ordinaria e la gestione domiciliare dei pazienti affetti da Covid che non necessitano di ricovero ospedaliero. L’attività è quindi orientata a curare al domicilio i pazienti dimessi dall’ospedale, quelli sintomatici per infezione respiratoria acuta febbrile Covid-19 positivi o sospetti, gestiti a domicilio. Per tutti i dettagli CLICCA QUI. 

TASK FORCE PER RICOVERSIONE AZIENDE – Su proposta dell’assessorato regionale allo Sviluppo economico, è stata istituita una cabina di regia che porterà alla creazione di una task force regionale per supportare le imprese che stanno, o che abbiano intenzione di riconvertire la propria attività per produrre materiale sanitario, a fronte dell’emergenza Covid-19. Per tutti i dettagli CLICCA QUI 

NUOVA CIRCOLARE DAL MINISTERO – Arriva la svolta per quanto riguarda le passeggiate dei bambini ai tempi del Coronavirus. Attraverso una nota diffusa dal ministero degli Interni e mandata a tutti i prefetti d’Italia si spiega che “è consentito a un solo genitore, camminare con i propri figli minori in quanto tale attività può essere ricondotta alle attività motorie all’aperto, purché in prossimità della propria abitazione. La stessa attività può essere svolta nell’ambito di spostamenti motivati da situazioni di necessità o per motivi di salute”. Per leggere tutti i dettagli sulla nuova disposizione CLICCA QUI.

Tratto da Primocanale

CLICCA QUI PER COMMENTARE LA NOTIZIA SUL SITO DI PRIMOCANALE

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.