Primocanale, Coronavirus ed Entella, Gozzi: “La salute prima di tutto, ripresa insostenibile”

Il patron del club chiavarese: «se applicassimo il protocollo della Serie A anche in B abbiamo stimato che costerebbe per tutto il sistema B tra gli 8 e 10 milioni»

279
Gozzi Entella Genoa
Antonio Gozzi, presidente della Virtus Entella (foto di entella.it)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il presidente della Virtus Entella Antonio Gozzi continua a ritenere problematica la conclusione sul campo dei campionati professionistici, compresa ovviamente la Serie B in cui milita la squadra chiavarese.

«In B c’è bisogno di regole certe e che garantiscano la salute – dice Gozzi all’Ansa – non solo dei giocatori ma di tutti i dipendenti della società”. Dopo la riunione tra il Comitato tecnico scientifico e i medici Figc, emerge che «se c’è un positivo tutti vanno in quarantena: ci chiediamo se questo rende possibile la ripresa del campionato».

Lo scetticismo del presidente entelliano verte anche sui costi di applicazione dei protocolli fissati dagli esperti della Protezione Civile: «Tra confinamento e ritiro, voli charter e tamponi, se applicassimo il protocollo della Serie A anche in B – conclude Gozzi – abbiamo stimato che costerebbe 500 mila euro a società, con un extra per tutto il sistema B tra gli 8 e 10 milioni. Non è sostenibile un sistema di questo tipo».

Tratto da Primocanale

CLICCA QUI PER COMMENTARE LA NOTIZIA SUL SITO DI PRIMOCANALE

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.