Primocanale – Al Genoa servono 8 punti, Ballardini e la missione salvezza che passa dal Ferraris

Giovanni Porcella: «La vittoria del Benevento in casa della Juventus ha fatto saltare tutti i calcoli»

4511
Scamacca Genoa Zajc Zappacosta Strootman
Scamacca dopo il gol (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La vittoria del Benevento ha fatto saltare il banco. La sensazione è che ci voglia qualcosa di più dei 37 punti considerato un porto sicuro per la salvezza. Il Genoa sta bene in vista di questa volatona che coinvolge almeno otto squadre compreso il Crotone praticamente retrocesso, Nel mucchio c’è pure la Fiorentina che perdendo col Milan è tornata a soffrire. E i viola di Prandelli saranno i prossimi avversari dei rossoblù al Ferraris dove di fatto si apre la caccia di Criscito e compagni per conquistare otto punti che dovrebbero mettere al riparo chiunque.

La permanenza in A per la squadra di Ballardini, media punti a 1,60 da quando è arrivato (nessuno come lui tra i tecnici rientrati in corsa), passa da Marassi perchè fuori casa almeno 4 match sono quasi impossibili. La Juventus, il Milan, la Lazio e all’ultima giornata il Cagliari che se sarà ancora in ballo avrà bisogno di una vittoria. resta il viaggio a Bologna con una formazione ormai tranquilla. Il Genoa deve fare i passi che ancora mancano per sancire l’impresa di Ballardini che, va sempre ricordato, aveva preso la squadra al penultimo posto con la miseria di 7 punti in 14 gare, davanti alla Nord seppur deserta. Subito la Fiorentina (da valutare il portiere Dragowski), poi le sfide con Benevento e Spezia e quella col Sassuolo per chiudere alla penultima con l’Atalanta. Dodici punti in palio vitali.

Il successo col Parma ha significato una svolta dando anche valore ai pareggi conquistati in precedenza. Ballardini può contare su uno Scamacca rilanciato, ma anche con un Destro che inseguendo il decimo gol potrà essere determinante. Biraschi è una risorsa in più e Perin è sempre più sicuro. La sensazione è che il gruppo sia molto unito e che abbia la voglia di non soffrire fino all’ultimo. Due vittorie e due pareggi sono alla portata, ma occhio alla Fiorentina che sta già suonando la grancassa col suo patron Comisso: «Andremo a Genova per riscattarci subito».

Giovanni Porcella – Tratto da Primocanale.it 

CLICCA QUI PER COMMENTARE LA NOTIZIA SUL SITO DI PRIMOCANALE

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.