Preziosi su Juve-Genoa: “Non mi è piaciuto l’arbitraggio”

"Non ho capito la gestione dei cartellini" ha spiegato il presidente del Genoa che ha incontrato ieri il sindaco di Genova Marco Bucci per il Ferraris

140
Enrico Preziosi, presidente del Genoa (Foto Paolo Rattini/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Un incontro di cortesia, ma non solo. Il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, ha visitato per la prima volta il sindaco di Genova Marco Bucci a Palazzo Tursi. Un meeting di mezz’ora in cui l’argomento principale è stato la vendita dello stadio Ferraris.

“Entro tre-quattro mesi speriamo di risolvere tutto – ha detto il patron rossoblù al termine – appena potremo presenteremo la nostra manifestazione di interesse. Ci dovremo mettere d’accordo io e Ferrero per fare un’offerta”. Appena sarà arrivata l’istanza dei club genovesi, l’amministrazione ordinerà una perizia per determinare il valore dello stadio. A quel punto verrà bandita una gara pubblica per vendere l’impianto fino ad oggi di proprietà comunale.

Preziosi, che dopo la visita a Tursi si è recato in Regione per parlare col presidente Giovanni Toti, parla anche di mercato e del possibile ritorno di Mimmo Criscito: “Se arriva già a gennaio? Magari. Comunque vediamo”. Sul nuovo acquisto Medeiros: “È un buono Iago Falque – ha detto il presidente riferendosi all’ex rossoblù – e ci darà soddisfazioni”. Poi ha annunciato l’interesse del Genoa per Daniel Bessa, attaccante del Verona che è anche nel mirino della Sampdoria.

Qualche rammarico per la gara persa contro una Juventus tutt’altro che combattiva: “Abbiamo fatto un primo tempo non eccezionale, nel secondo tempo abbiamo cercato di fare qualcosa ma abbiamo creato poche occasioni”. Però “non mi è piaciuto l’arbitraggio”, ad esempio non ho capito la gestione dei cartellini, come quello a Perin, o alcuni interventi, come quello su Izzo, non sanzionati”.

Su Ballardini è giunta intanto un’altra tegola, lo stop di due settimane per Giuseppe ‘Pepito’ Rossi. “Mi dispiace tantissimo – commenta il presidente – Non è un vecchio problema fisico e non me l’aspettavo. Avrei voluto vederlo già a Torino. Speriamo di potercelo godere più avanti”.

Tratto da Primocanale

CLICCA QUI PER COMMENTARE LA NOTIZIA SUL SITO DI PRIMOCANALE

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.