Preziosi: «Per la zona Champions tutto può succedere»

Da Radio Radio il numero uno rossoblù ha sottolineato che sarà  «una sfida più fra Fiorentina e Genoa con l'insidia della Roma» E aggiunge: «Il Milan deve continuare a vincere, mancano sette partite che possono cambiare tutto»

15
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Enrico Preziosi, dai microfoni di Radio Radio, non dà nulla per scontato per la lotta alla Champions: «Mancano sette gare alla fine del campionato. La Roma ha scontri diretti, come con la Fiorentina, tutto può succedere, il club viola ha un organico importante. Forse noi rispetto alla Fiorentina abbiamo piu’ gioco: Il Genoa esprime un gioco diverso dai viola, anche durante la gara con loro in dieci uomini abbiamo tenuto campo e li abbiamo messi in difficoltà». Il numero uno del Genoa indica anche il rivale che teme di più: «Se dovessi scontrarmi con Roma o Fiorentina temerei di più i giallorossi».

Preziosi riguardo alla lotta per il quarto posto aggiunge: «Vedo una sfida più fra Fiorentina e Genoa con l’insidia della Roma. Non dimentichiamo che domenica ci sono gare importanti. Il Milan deve continuare a vincere, mancano sette partite che possono cambiare tutto. Bisogna aspettare, dipendera’ molto dalla nostra convinzione e forza fisica. Ogni gara diventa piu’ dura, pero’ siamo lì: è nostro dovere provarci fino alla fine. I giochi non sono fatti per nessuno. Dal secondo al quinto posto non c’e’ niente di scritto. Dalla Roma in su puo’ succedere di tutto».

Infine, il patron rossobù affronta anche il calciomercato. «Non c’e’ niente di serio sulle voci di mercato, di vero c’e’ il diritto di riscatto per Criscito, così come per Palladino. La Juve non può spadroneggiare a casa Genoa, noi dobbiamo essere d’accordo. Se rientra nella nostra convenienza. Non siamo la squadretta della provincia. Da noi non e’ così».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.