Preziosi: «Non c’è alcuna offerta del Napoli per Thiago Motta»

Il presidente del Genoa smentisce ai microfoni di Radio Marte la notizia riportata stamattina dal quotidiano napoletano "Roma" sui 16 milioni proposti per il brasiliano. Non esclude però che in futuro possa concludere qualche affare con De Laurentii

21
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Sedici milioni? Dove sono questi 16 milioni? Non ho ricevuto nessuna offerta e non ho contatti ufficiali per quanto riguarda Thiago Motta». Il presidente Enrico Preziosi ha smentito dai microfoni di Radio Marte la notizia, riportata oggi dal quotidiano napoletano “Roma” e ieri dal giornalista Ciro Venerato nella trasmissione “Number Two” su Canale 34 tv, riguardante una presunta offerta di 16 milioni formulata dal Napoli per il regista brasiliano del Genoa. «Ho contatti con il presidente De Laurentiis –ha proseguito il numero uno rossoblù – poiché derivano da stima e affetto però questa cosa è per me nuova». Alla precisa domanda di Gianluca Gifuni di Radio Marte se «lei cederebbe per questa cifra Thiago Motta», il presidente ha risposto che «coi se e i ma non si fa nulla». «Se c’è interesse – ha proseguito Preziosi – il Napoli dovrà manifestare il suo interesse al Genoa che poi si regolerà. Ma credo che proprio che non ci siano le basi, poiché credo che se si vuole intavolare una trattativa per un giocatore bisogna farsi avanti. Ma ciò non è avvenuto». E’ comunque un risultato eclatante quello di aver preso il giocatore brasiliano a parametro zero e avere offerte da 16 milioni. «Anche in passato ho avuto giocatori che sono arrivati a Genoa per pochissimo – afferma Preziosi – e poi valere tantissimo. Dipende anche dalla capacità della società, da un pizzico di fortuna, e dalla serietà professionale del giocatore».

Ma c’è anche un altro presunto interesse della società partenopea verso giocatori del Genoa: riguarderebbe Criscito e Palladino. «Criscito è un giocatore su cui abbiamo l’opzione per l’altra metà – ha spiegato il patron genoano – con la Juventus. Per quanto riguarda Palladino, una metà è nostra e dobbiamo prima sistemare le cose con la Juve prima di parlarne verso chi interessa il giocatore. Ma non credo che Palladino interessa al Napoli, né noi vogliamo privarcene per cui credo che il discorso del nostro attaccante al Napoli sia molto difficile».

Riguardo al suo interesse per Floccari, Preziosi ha spiegato «che mi piace. Ma quando non ci sono le firme sotto a un contratto nulla è concluso». Ha voluto precisare ulteriormente che «se qualcuno mi chiede di Floccari rispondo che mi piace, ma non ho detto di averlo acquistato: è il Napoli che ha affermato di averlo comprato, non noi».

Il presidente ha poi parlato anche dell’eventuale qualificazione in Champions. «E’ molto difficile, poiché abbiamo davanti un osso duro come la Fiorentina e siamo a 5 punti dalla Roma. Però ce la mettiamo tutta e non facciamo tragedie: se non parteciperemo alla Champions, che è un traguardo importante che non abbiamo previsto faremo la Coppa Uefa. La forza della serenità ci contraddistingue in questo momento».

L’anno scorso Genoa e Napoli non hanno concluso affari durante il calciomercato. Forse quest’anno potrebbe essere la volta buona? «Qualche affare dovremo farlo – ha concluso Preziosi – poiché è una società amica e gemellata, i cui presidenti si stimano. Quindi non capisco poiché non dovremmo fare qualche affare assieme. Spero che non ci siano elementi che mettano i bastoni tra le ruote».

Marco Liguori

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.