Preziosi: «Nessun dramma, il sogno continua»

Il presidente del Genoa analizza con lucidità  la sconfitta contro la Lazio ed attende la sfida contro il Bologna ed il rientro di Milito per riprendere il cammino

28
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Nessun dramma, e non potrebbe essere altrimenti per una squadra che sta andando al di là delle più rosee aspettative. Certo, quando ci si abitua a vincere, ogni sconfitta diventa inattesa, ma quella patita dal Grifone contro la Lazio può essere spiegata in modo semplice: gli avversari hanno giocato meglio, meritando di vincere.

«Peccato per le tre nitide occasioni che non siamo riusciti a sfruttare nel primo tempo – osserva il presidente Enrico Preziosi – ma è giusto ammettere che i biancocelesti hanno disputato una prestazione molto convincente. Sono venuti qui per fare la gara e ci sono riusciti. E’ doveroso riconoscerlo».

I ragazzi di Delio Rossi, è vero, si sono fatti apprezzare sia per l’approccio con cui sono scesi in campo, sia per interessanti trame di gioco, ma il Genoa è apparso solo un lontano parente rispetto a quello che una settimana fa si era concesso il lusso di stendere la Juventus.

«Una sconfitta ci può anche stare, soprattutto se arriva dopo quattro vittorie consecutive – ammette – Certo, questa volta abbiamo avuto poca lucidità e, invece di accontentarci del pareggio, abbiamo ugualmente cercato di far nostra la partita. Peccato, ma nulla è perduto. Il sogno continua e la nostra mente deve già essere rivolta all’impegno di domenica prossima in casa del Bologna. La corsa dobbiamo farla solo su noi stessi».

A dare l’assalto ai felsinei dovrebbe contribuire anche Diego Milito, al rientro dopo lo stop di circa un mese.

«Un giocatore delle sue qualità è troppo importante per noi – conferma Preziosi – anche se finora chi l’ha sostituito ha sempre fatto molto bene. In questo finale di stagione potrà aiutarci parecchio».

Claudio Baffico

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.