Preziosi: «Ho preso 10mila euro di multa? Me la sono cavata»

Il presidente del Genoa ha risposto così alle domande dei giornalisti per la sanzione stabilita dal Tfn sulle dichiarazioni rilasciate contro l'arbitro Di Bello dopo Roma-Genoa: «Spero siano spesi a fin di bene, credo che la Federazione usi queste multe nel sociale, quindi va bene così»

3038
Enrico Preziosi
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Ho preso una multa? Non lo sapevo». Enrico Preziosi ha commentato così la notizia dei 10mila euro di multa patteggiati davanti al Tribunale federale nazionale riguardo alle dichiarazioni rilasciate contro l’arbitro Di Bello dopo Roma-Genoa a Radio Anch’io sport su Radio Rai 1. Il presidente ha affermato sorridendo ai cronisti al termine dell’assemblea di Lega serie A: «Me la sono cavata, dai. Spero siano spesi a fin di bene, credo che la Federazione usi queste multe nel sociale, quindi va bene così».

Preziosi è poi intervenuto sull’episodio del rigore concesso nel finale in Fiorentina-Inter: «Quando l’arbitro viene chiamato dalla Var, evidentemente c’è un dubbio e forse la Var stessa può eliminarlo: si chiama l’arbitro, gli si dice che non è rigore, perché è così, ma senza rivederlo». Il patron rossoblù ha poi concluso sull’argomento: «E’ strano che, dopo la chiamata della Var, Abisso abbia confermato il rigore. Forse non ha visto nella maniera giusta, allora vorrebbe dire che anche il sistema ancora va rifatto o comunque ripensato. Io sono del parere che, nel momento in cui interviene la Var, ci deve essere qualcuno che giudica e non l’arbitro».

(Sulla homepage di Pianetagenoa1893.net è presente il video con queste dichiarazioni).

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.