Prandelli al giro di boa: da Spal a Spal, un girone dopo

Dalla "rivoluzione di velluto" con la difesa a quattro alla fragilità offensiva e psicologica della squadra

2202
Prandelli
Mister Prandelli (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Da Spal a Spal, un girone dopo. La gestione Prandelli compie quasi cinque mesi nei quali non è mancato niente. Vittorie contro le grandi, delusioni contro le piccole, un derby regalato, una contestazione e lo stadio semivuoto (2704 paganti con il Toro). Dai bassifondi all’illusione del centro classifica fino al nuovo capitombolo, auspicando un’altra e definitiva reazione. E’ il Genoa, una luogo passionale e in costante fibrillazione che vive eroticamente la passione rossoblù tanto da avviluppare anche i calciatori. Nel bene e nel male. Prandelli è rimasto meravigliato e scioccato al contempo da questa duplice connotazione della piazza rossoblù.

L’impatto non è stato facile per un allenatore mite abituato ad «abbassare la voce quando voglio farmi sentire». Eppure Prandelli ha compiuto una rivoluzione di velluto in un girone: ha messo in discussione la difesa a tre, caposaldo genoano dal 2006, arrivando a deporla (con buoni risultati) per una decina di partite. Se non è coraggio questo. La linea a quattro è ora una valida alternativa e non più un esperimento, è un piano razionale che ha dato i suoi frutti in pieno inverno con i sei risultati utili consecutivi. Più la gioia contro la Juventus.

Prandelli, però, non è riuscito a migliorare la fase difensiva e, di conseguenza, la qualità del gioco. Il Genoa resta una fragile incompiuta, ancora orfana di Piatek e debole di carattere. La vena del gol si è prosciugata nel girone di ritorno tanto che il mister ha dovuto rispolverare Lapadula e chiedere gli straordinari a Pandev. Momentaneamente il bilancio pettina la sufficienza, in attesa del risultato finale della stagione che lo dirà solo il campo. Con Prandelli il Genoa poteva ambire alla parte sinistra della classifica senza essere invischiato nella lotta salvezza all’ultimo respiro. La stessa situazione di dicembre. Da Spal a Spal, un girone dopo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.