Prandelli: «Faccio un grande in bocca al lupo a Thiago. Io e Preziosi? Nessuno ha sbattuto la porta»

L'ex allenatore del Genoa a Tmw: «È stato un grande calciatore, ha una facilità nella lettura del gioco». Con il presidente ha «fatto un patto di grande lealtà. Gli ho detto che non lo avrei mai tradito»

2934
Prandelli Genoa
Cesare Prandelli (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Faccio un grande in bocca al lupo a Thiago. È stato un grande calciatore, ha una facilità nella lettura del gioco». Cesare Prandelli, ex allenatore del Genoa, ha formulato i suoi auguri al nuovo tecnico rossobù in un’intervista rilasciata a Tuttomercatoweb.com. «Gli auguro tutto il bene possibile – prosegue Prandelli – è un grande ex e parte col piede giusto. Ci metterà del suo, con idee nuove e l’esuberanza che contraddistingue i giovani allenatori».

L’allenatore spiega anche il termine del suo rapporto professionale con il club più antico d’Italia: «Con Preziosi ho fatto un patto di grande lealtà. Gli ho detto che non lo avrei mai tradito. Poi ci sta di avere idee diverse, ci siamo lasciati senza polemica. Nessuno ha sbattuto la porta. E bisognerebbe fare così, sempre. Gli auguro di trovare la serenità che deve contraddistinguere la stagione del Genoa. Poi di presidenti facili non ce ne sono. Le cose funzionano quando lo staff tecnico entra in simbiosi con la società. Se tutti pensano al proprio orticello invece diventa tutto più difficile».

L’ultima domanda sui temi genoani riguarda l’eventuale vantaggio per Motta di aver conosciuto Preziosi da calciatore: «Un conto è conoscerlo da calciatore e un altro da allenatore. Ma parte avvantaggiato, perché conosce l’ambiente ha tutto per fare bene. È un grande ex. Poi sarà soggetto, come tutti gli allenatori, ai risultati» conclude Prandelli.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.