Play out: sabato tutti ad Arenzano per sostenere il Genoa Primavera contro l’Empoli

I Grifoncini sono attesi dalle partite più importanti della stagione: il doppio scontro play-out contro l'Empoli che può valere la salvezza o la retrocessione

1095
Genoa Primavera
La Primavera 2018-2019 semifinalista al Viareggio (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Finalmente possiamo tirare un sospiro di sollievo e recuperare la normale velocità dei nostri martoriati cuori rossoblù. Dopo una stagione da incubo, il Genoa ha conquistato la tanto agognata salvezza, ottenendola neanche all’ultima giornata, ma a 9 minuti dallo scadere dei tempi regolamentari, quando l’Inter è riuscita a siglare il 2-1 sull’Empoli, condannandolo alla retrocessione in favore del Grifone e della Viola. È quasi superfluo elogiare l’esorbitante numero di tifosi partiti da Genova che per l’intera durata del match hanno supportato la propria squadra consapevoli di essere difronte ad un bivio: dannazione o beatitudine. Un mare rossoblù che per qualche ora ha investito il capoluogo toscano mostrando a tutta Italia cosa vuol dire essere genoano ed essere la Gradinata Nord. Nonostante ciò, si cadrebbe in errore se si affermasse che i tifosi rossoblù possono ora stare tranquilli e recuperare le forze in vista della prossima stagione (che si spera possa essere completamente diversa rispetto a quella appena conclusasi). Infatti nel Genoa c’è ancora chi, dopo un campionato altalenante, teme tuttora la possibilità di retrocedere nella serie cadetta. Si sta parlando della Primavera di mister Sabatini. Dopo un avvio difficile, i grifoncini erano riusciti a mettersi in carreggiata intorno a Natale, con la vittoria casalinga con la Juventus e a raggiungere il centro-classifica. Da lì, ha avuto inizio il Torneo di Viareggio, che li ha visti protagonisti di un percorso straordinario terminato dolorosamente ai calci di rigore contro il Bologna dopo essere stati in vantaggio fino all’86’. Un duro colpo dal quale i giovani rossoblù si sono ripresi solo settimana scorsa, con il pareggio con il Cagliari e la provvidenziale vittoria con la Fiorentina. Nel tour de force affrontato dalla Primavera in questi ultimi giorni e conclusosi con la sconfitta nello scontro diretto con il Sassuolo, i grifoncini hanno trovato la speranza nella salvezza grazie al pareggio del Milan contro i Viola che è costato ai rossoneri la retrocessione diretta.

 

Ora i ragazzi di mister Sabatini sono attesi dal doppio scontro dei play-out contro l’Empoli. In tre occasioni si sono incontrate le due formazioni in questa stagione: due volte in campionato, terminate con due successi a favore dei rossoblù per 2-1 e una agli ottavi della Viareggio Cup, sempre con un successo da parte dei liguri (1-0), grazie alla rete di Danilo Ventola. Sebbene i dati vedano favorito il Vecchio Grifone, è vietato sottovalutare l’avversario, poichè in tutte le occasioni, soprattutto durante la Coppa Carnevale, si è sempre dimostrato un nemico ostico e difficile da affrontare. Sarà dunque necessario tutto il supporto possibile da parte del popolo rossoblù. Come è stato per la sfida con la Fiorentina, potrà dimostrarsi di estrema importanza il sostegno della Gradinata Nord ad Arenzano durante lo svolgimento dell’ultima gara casalinga dei grifoncini in Primavera 1 per questa stagione, sperando nella salvezza e nella possibilità di poter militare nella massima serie di categoria anche il prossimo anno.

 

L’andata dei play-out sarà giocata sabato 1° giugno alle ore 15:00 al centro sportivo “Gambino” di Arenzano, mentre la gara di ritorno sarà in Toscana il 5 giugno, al campo Monteboro di Empoli. Secondo quanto stabilito nei regolamenti, otterrà la permanenza nel prossimo Campionato Primavera 1 la Società che, al termine della partita di ritorno, avrà segnato il maggior numero complessivo di reti nelle due partite o, in caso di parità nelle reti complessive, il maggior numero di reti in trasferta.
In caso di parità anche nel numero di reti segnate in trasferta, le squadre dovranno disputare due tempi supplementari della durata di 15 minuti ciascuno. Se, durante i due tempi supplementari, le due squadre segnano uno stesso numero di reti, le reti segnate in trasferta valgono doppio (ovvero, la squadra che gioca fuori casa ottiene la permanenza nel Campionato Primavera 1). Se nessuna rete viene segnata durante i due tempi supplementari, l’arbitro provvede a fare battere i calci di rigore, con le modalità previste dal “Regolamento del Giuoco del Calcio” al paragrafo: “Procedure per determinare la squadra vincente di una gara”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.