Perinetti: “Piatek resta fino a giugno. Kouamé? Lo acquistai a Chiavari”

"Il gruppo è formato da ragazzi a massima disposizione del mister, ci hanno sorpreso. Biraschi merita la Nazionale" spiega il dg rossoblù

5702
Perinetti
Giorgio Perinetti direttore generale del Genoa (Foto Tullio M. Puglia/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Giorgio Perinetti è intervenuto durante la trasmissione “Gradinata Nord” su Primocanale. «Veloso è quasi del Genoa, lo vedo correre ogni giorno. Il gruppo è formato da ragazzi disponibili che ci hanno sorpreso. Biraschi in Nazionale? Mancini è una persona di competenza che non ha bisogno di consigli ma il Biraschi di domenica merita l’Azzurro» ha spiegato il direttore generale rossoblù.

Sul tema Parma, Perinetti spiega: «Il futuro passa dal presente, sognare non è un reato ma preferisco non fare proclami. Una settimana fa sembrava fossimo in crisi poi sono arrivati sei punti: abbiamo creato i presupposti per stare sereni. Speriamo di fare risultato contro il Parma anche perché in futuro ci saranno sfide difficili».

«Piatek? I tanti interessamenti sono normali perhé ha è una rivelazione del campionato. Non andrà via a gennaio. Il ragazzo è molto solido e vive in una campana di vtro: speriamo che continui a fare gol, supportato da ragazzi come Kouamé. L’ivoriano lo seguivo con grande interesse dai tempi della B: ho acquisito una piccola prelazione morale durante Entella-Cittadella dell’anno scorso. Le cessioni sono inevitabili ma godiamoci il momento» conclude Perinetti.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.