Perinetti: “Juric confermato dopo una riflessione. Ora però vinciamo”

"L'importante sarà vincere tutti gli scontri diretti in casa. Mercato? Cerchiamo un tornante sinistro" spiega il dg rossoblù

1407
Perinetti
Giorgio Perinetti (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Giorgio Perinetti è intervenuto durante la trasmissione “We are Genoa” in onda su Telenord. «Virtus Entella e Spal non rappresentano un ultimatum. Teniamo alla Coppa Italia anche per dare spazio a quei giocatori che hanno giocato poco ma si sono allenati con professionalità. In campionato dobbiamo vincere e mantenere lo scontro diretto favorevole in casa» spiega il direttore generale del Grifone.

Perinetti torna sulla sconfitta con il Toro: «Non era facile prevalere sul Torino, una delle squadre più potenti del campionato, in dieci uomini. Abbiamo fatto il possibile. Romulo ha commesso un’ingenuità imprevedibile facendosi ammonire due volte in tre minuti: ha chiesto scusa a tutti, non c’è bisogno di dire altro».

Incalzato sul tema Juric il numero due del Geonoa spiega: «La sua conferma è stata ponderata, sicuramente non legata dall’emotività del risultato. Vogliamo dare continuità. Vediamo una squadra in crescita sebbene manchi la vittoria che fa da sovrana nel nostro sistema; la voglia di vincere non manca».

«Ci manca un tornante sinistro, in estate però l’allenatore ci ha detto che il quinto a sinistra era Criscito: per questo abbiamo temporeggiato evitando di prendere tanto per prendere. Cercheremo di fare qualcosa. Anche un centrocampista? Vedremo, Sandro ha avuto tanti contrattempi fisici, Veloso domenica era influenzato» conclude Perinetti in tema mercato.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.