Perinetti: “Abbiamo voluto giocatori con forti motivazioni”

A margine della presentazione dei nuovi acquisti, il direttore generale ha parlato anche di Lapadula: "Gli abbiamo offerto la possibilità di andare a giocare, lui ha scelto di restare con noi e di ritagliarsi uno spazio nel Genoa"

1894
Giorgio Perinetti con i nuovi acquisti al Museo del Genoa (Foto Pianetagenoa1893.net)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

A margine della presentazione dei nuovi acquisti del Genoa al Museo rossoblù ha parlato Giorgio Perinetti. Il direttore generale si è detto soddisfatto per come ha lavorato la società nel mercato e dato il benvenuto ai nuovi arrivi, giocatori che saranno importanti per il proseguo della stagione oltre che rappresentare una solida base per il prossimo futuro: “La finestra del mercato è stata particolarmente attiva per la nostra società. Avevamo bisogno di rafforzare alcuni reparti, in particolare a centrocampo. Con Prandelli abbiamo studiato e valutato come dare equilibrio alla squadra”.
Sulla cessione di Piatek: “L’addio di Piatek dispiace a noi come ai tifosi, ma il calcio di oggi ha delle dinamiche inarrestabili. Bisogna essere preparati ad affrontare e risolvere queste situazioni”
Il direttore ha poi aggiunto: “Abbiamo voluto giocatori con forti motivazioni e non correre il rischio di avere con noi elementi senza questa caratteristica. Siamo contenti per come abbiamo lavorato”.
Sul ritorno di Sturaro: ”Il ritorno di Sturaro segue quello di Criscito. Riavere al Genoa giocatori cresciuti in questo ambiente e fortemente legati alla società. Sanabria si toglierà grandi soddisfazioni”
Su Lapadula e Favilli: “Lapadula? Gli abbiamo offerto la possibilità di andare a giocare, lui ha scelto di restare con noi e di ritagliarsi uno spazio nel Genoa. È qui con noi, proverà a dare una mano alla squadra. Per quanto riguarda Favilli abbiamo cambiato i termini contrattuali per cercare di assicurarcelo definitivamente”

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.