Pedullà: “Preziosi si impegna a cedere il Genoa da febbraio in poi”

Il presidente "si è un po’ pentito di non aver accettato i 120 milioni per la cessione del Genoa, soldi che avrebbero consentito di mettere un bel punto sul monte debitorio" spiega il giornalista di Sportitalia

350
Preziosi Genoa
Enrico Preziosi (da Genoacfc.it)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Enrico Preziosi è molto tormentato. Negli ultimi giorni, anche nelle ultime ore, si è un po’ pentito di non aver accettato i 120 milioni per la cessione del Genoa, soldi che avrebbero consentito di mettere un bel punto sul monte debitorio”. Attraverso il proprio sito, il giornalista Alfredo Pedullà spiega un retroscena riguardante la volontà del presidente di cedere il pacchetto di controllo del club più antico d’Italia. “La scorsa estate – prosegue Pedullà – ha preferito fare mercato, poi vi abbiamo raccontato come la vicenda Pellegri abbia condizionato e condizioni abbastanza le scelte del patron. Preziosi è convinto di poter portare a casa almeno 45 milioni dalla cessione del giovanissimo attaccante, ma al momento è una teoria soltanto sua considerato che non sono arrivate offerte definitive. Ma soltanto ammiccamenti, non soltanto delle milanesi e della Juve, anche da parte del Paris Saint-Germain”.

Il giornalista di Sportitalia sottolinea: “Ora Preziosi vorrebbe cedere, la cordata capeggiata da Gallazzi c’è rimasta malissimo perché ritiene di non essere stata trattata in modo carino (utilizziamo quest’aggettivo). E vorrebbe porre condizioni chiare, anche dal punto di vista temporale. Il nodo è anche questo: Preziosi si impegnerebbe ora per una cessione da febbraio in poi, guardacaso dopo il mercato di riparazione. Come finirà? Alla fine il rischio più grosso è quello dell’attuale patron, contestatissimo dalla piazza e che anche nelle vicenda allenatore ha trovato un compromesso: Juric fino al derby di sabato, perché se dovesse andar male il principale è colpevole ce l’avrebbe già in casa. Senza aver bruciato un altro allenatore a pochi giorni da una stracittadina troppo importante, considerata l’attuale classifica del Genoa”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.