Pedullà: «Ecco perché Pinamonti è bloccato al Genoa fino al 1° febbraio»

Il giornalista esperto di mercato spiega che l'attaccante è blindato a Pegli a causa dell'obbligo di riscatto dall'Inter: dunque dovrà restare al Grifone

8486
Pinamonti Genoa
Andrea Pinamonti dopo il gol (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Andrea Pinamonti è un attaccante che piace molto alla Spal. «Ma c’è un cavillo, molto importante – spiega Alfredo Pedullà sul proprio sito ufficiale – che blocca una potenziale operazione. Questo: il Genoa ha preso l’attaccante in prestito con obbligo di riscatto dall’Inter, obbligo (da 18 milioni di euro) che scatterebbe dal prossimo 1° febbraio. L’Inter si è assicurata, sulla parola, un eventuale diritto di riacquisto tutto da verificare. Ma questo è un discorso secondario rispetto alla volontà di mandare a giocare Pinamonti in questa sessione di mercato. Se il Genoa ha un obbligo di riscatto, evidentemente non può girare il prestito del calciatore a un altro club, indipendentemente dal fatto che si tratti di una concorrente o meno per la corsa alla salvezza. Un imbuto che lascia Pinamonti in uno stato di assoluto stand-by». Dunque l’attaccante dovrà restare a Pegli.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.