Parma, D’Aversa: «Se il Genoa avesse pareggiato non sarebbe andata bene a Gervinho»

Il tecnico del Parma: «Forse voleva battere il suo record, credo nella sua buona fede, è sempre stato positivo ed egoista»

1106
Roberto D'Aversa (Foto sito ufficiale Parma 1913)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Dopo il successo casalingo ottenuto contro il Genoa di Prandelli grazie al gol dell’ex rossoblù Juraj Kucka, il tecnico del Parma D’Aversa ha parlato ai microfoni di Sky Sport:

 

«Se il Genoa avesse pareggiato non sarebbe andata bene a Gervinho. Rigoni e Inglese mi avrebbero aiutato, ahahah. È vero che abbiamo affrontato in casa squadre come Inter e Napoli, oggi si respirava un’aria diversa, il pubblico ci ha dato una grande mano. Ci ha spinto per portare a casa i tre punti».

 

Su Gervinho:

 

«Come ha stoppato il pallone ha perso di vista i compagni, il primo pensiero è stato quello di saltare il portiere e fare gol. Forse voleva battere il suo record, credo nella sua buona fede, è sempre stato positivo ed egoista».

 

Sulla gara:

 

«Devo dire che nel secondo tempo abbiamo avuto un momento di difficoltà e ci siamo allungati un po’ troppo. È stata una gara di sacrificio. Quando Scozzarella è andato in difficoltà ho messo un giocatore di gamba, come Biabiany, per affrontare Bessa. Poi ho dovuto cambiare Dimarco perché aveva i crampi, alla fine ho deciso di passare a cinque. Fa piacere che Sierralta sia rientrato».

 

Su Schiappacasse:

 

«L’ho fatto riscaldare sin dall’inizio del secondo tempo, può fare il centravanti o l’esterno. Avrebbe meritato di far parte della gara, ma devo fare delle scelte. Due cambi su tre erano già preventivati. Avrà il suo spazio».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.