Ogliari: «Giovani con poca umiltà, serve pazienza e moderazione»

«Sono orgoglioso di aver giocato nel Genoa» spiega l'ex incontrista rossoblù

552
Ogliari Genoa
Franco Ogliari

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Intervenuto durante la trasmissione “We Are Genoa” in onda su Telenord, Franco Ogliari è ritornato sul suo passato al Genoa: «Ero un incontrista che si prendeva le rogne avversarie come il regista o la mezza punta. Gigi Simoni è stato il mio papà calcistico: venivo dalla Serie D, mi portò ad alti livelli. Gli sarò sempre riconoscente. Sono orgoglioso di aver giocato nel Genoa e con Claudio Onofri».

«Il calcio di oggi è meno fantasioso rispetto ai miei tempi perché è più schematico – aggiunge l’ex rossoblù – ho sempre giocato a uomo e ho sempre chiesto questo alle quadre che ho allenato perché era ciò che sapevo fare e non era ciò che mi dicevano di fare».

«I giovani mancano di umiltà. A sedici, diciassette anni si sentono già campioni mentre devono dimostrare ancora tutto. Serve pazienza e più moderazione» chiosa Ogliari.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.