Niente Genoa-Parma in chiaro. De Siervo: «Dovrebbero essere Atalanta-Sassuolo e Hellas-Cagliari»

L'ad della Lega serie A: «La prima sarebbe visibile su TV8, la seconda sulle pagine di YouTube di Dazn. Evidentemente, nell'analisi di fattibilità, il presupposto è che non vi sia pubblicità, né prima né durante né alla fine»

1934
Luigi De Siervo (foto Trentino sviluppo)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Niente diretta in chiaro per Genoa-Parma. E’ questo l’orientamento della Lega Serie A, spiegato nella conferenza stampa di presentazione della finale di Coppa Italia dall’amministratore delegato Luigi de Siervo, secondo cui la questione della diretta per tutti  «è in via di risoluzione» . Il manager ha spiegato: «Posso dire che, laddove sarà possibile, si parlerà di due partite in chiaro: una dovrebbe essere Atalanta-Sassuolo e l’altra potrebbe essere Hellas-Cagliari. La prima sarebbe visibile su TV8, la seconda sulle pagine di YouTube di Dazn. Evidentemente, nell’analisi di fattibilità, il presupposto è che non vi sia pubblicità, né prima né durante né alla fine. Questo perché qualunque altra modalità avrebbe generato un indebito, se volete, slittamento dei fatturati pubblicitari da quelli che sono i broadcaster originali e un diritto che non era stato messo in vendita a queste condizioni. Siamo nell’ambito della legge Melandri, esiste un’intesa generale e stiamo cercando di risolvere i problemi tecnici».

Secondo De Siervo le due partite in chiaro saranno «L’eccezione. Ripeto: stiamo parlando di un diritto venduto a cifre importanti a degli operatori che l’hanno pagato dopo un bando articolato. Dobbiamo distaccarci il meno possibile rispetto a quelle regole. È un messaggio importante di attenzione a tutte le persone, perché il calcio avvicina tutti quanti e sta succedendo: speriamo domani di sfondare i 10 milioni».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.