Nicola: «Il calcio? Parlarne mi mette a disagio»

«La genoanità è stato un valore aggiunto per tornare al Genoa» spiega il tecnico

555
Nicola Genoa
Davide Nicola (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«L’Italia ripartirà solo quando potremo tornare a lavorare in sicurezza. Non nascondo che da giorni parlare di calcio mi mette a disagio, anche perché ho una sorella che lavora come rianimatrice all’ospedale di Pinerolo». É il pensiero sull’attualità di Davide Nicola, che aggiunge: «Per tornare a giocare ad alti livelli è necessario avere un periodo di preparazione. Il mio compito è quello di tenere pronto il Genoa a livello mentale».

«Salvezza? É un problema giornalistico. Le uniche risposte concrete devono provenire dai medici, prima, e dalle istituzioni sportive, poi: loro devono guidare il mondo del calcio» spiega il tecnico rossoblù.

«La genoanità è stato un valore aggiunto per tornare al Grifone, anche a stagione in corso. Ho condensato i concetti in poco tempo, senza badare al rendimento pregresso di nessun calciatore. Sono orgoglioso di rappresentare questa tifoseria e questo club che mi ha cresciuto» chiosa Nicola intervenuto a Sportitalia.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.