Modesto: «Genoa, piazza strepitosa, il pubblico ti trascina»

L'ex esterno rossoblù a Calciomercatoreport.it: «Era una squadra in crescita abbiamo fatto delle cose straordinarie nonostante il quinto posto e la Champions sfiorata per un pelo»

1386
Francesco Modesto contrasta Mario Balotelli (Foto Massimo Cebrelli/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Genoa è una piazza strepitosa, il pubblico ti trascina, da calciatore è bellissimo giocare al Ferraris, un continuo rimbombo, sostegno, bellissimo». Francesco Modesto, durante un’intervista in diretta Instagram con Calciomercatoreport.it, ha rievocato i suoi ricordi con la maglia rossoblù. «Era un Genoa in crescita – prosegue – con l’arrivo di Milito, Thiago Motta, abbiamo fatto delle cose straordinarie nonostante il quinto posto e la Champions sfiorata per un pelo».

Modesto ha anche parlato di Gian Piero Gasperini, che tra il 2008 e il 2010 è stato il suo allenatore : «Mister Gasp aveva delle idee chiare nel suo tipo di gioco, offensivo, come tutt’ora all’Atalanta, solo che oggi è addirittura un gioco più maturo».

Infine, ha composto anche la sua top 11, dove include, oltre a lui, altri sette ex Genoa: «Metto Campagnolo in porta, in difesa Biava, Paletta e Criscito, a centrocampo Mesto, Thiago Motta, Tedesco, Modesto, in attacco metto Palladino, Milito e Amoruso, allenatore: Juric».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.