Milan-Inter: ma questo non è un assembramento?

Un'ampia folla di tifosi rossoneri e nerazzurri con sciarpe, bandiere e striscioni: uno spettacolo da stigmatizzare, considerato che la pandemia di Covid 19 non è terminata

1471

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

I tifosi del Milan e dell’Inter si sono dati appuntamenti fuori allo stadio di San Siro per incoraggiare la squadre nel derby. La domanda è d’obbligo: ma questo non è un assembramento? Un’ampia folla accalcata con sciarpe, bandiere e striscioni: uno spettacolo da stigmatizzare, considerato che la pandemia di Covid 19 non è terminata, anzi, presenta delle pericolose varianti. Forse è stata approvata una deroga per i tifosi rossoneri e nerazzurri, di cui tutti noi non ne siamo a conoscenza. A questo punto sorgono spontanee alcune domande rivolte a chi di dovere:

  • Se questa manifestazione fosse stata svolta dai tifosi genoani, oltre ovviamente da quelli di altre squadre, cosa sarebbe accaduto?
  • Come si può spiegare ciò che è accaduto al di fuori di San Siro agli esercenti dei bar, ai ristoratori (a cominciare da quelli liguri che protestano da giorni), ai gestori di palestre e piscine e continuare a prorogare le loro chiusure?
  • Con quale coraggio si continua a parlare alla cittadinanza di zone arancioni, rosse (e chi più ne ha più ne metta) oltre ai divieti di spostamenti tra Regioni, se poi accadono “happening” come quello di Milano?
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.