Michele Uva: “Plusvalenze? Non è un dato negativo. La Procura vedrà se ci saranno violazioni”

Il direttore generale della Figc ha spiegato: "Può dipendere da vari fattori: i club stanno cambiando profilo da società di business-entertainment a club che fanno trading sui giocatori"

612
Michele Uva (da figc.it)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Michele Uva, direttore generale della Figc, ha parlato anche del tema delle plusvalenze in un intervento su Radio 1 Rai. “Quel che è sotto indagine dalla Procura non può essere giudicato o commentato dal sottoscritto. Ci sono stati casi di club coinvolti da analisi per questi percorsi e mi pare che non si sia arrivati a sentenze negative. I conti dei club italiani stanno migliorando, sono preoccupato dall’aumento delle plusvalenze. Può dipendere, però, da vari fattori: i club stanno cambiando profilo da società di business-entertainment a club che fanno trading sui giocatori. Ci sono società che investono sui settore giovanili, che li formano a zero dal punto di vista bilancistico e li vendono. Non è un fattore preoccupante o un dato negativo, la Procura vedrà se ci saranno violazioni dei regolamenti sportivi”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.