Mattia Perin: «Tutti i giorni diamo il cento percento»

L'estremo difensore genoano commenta la sua "manata" per deviare il tiro di Cerri

2193
Perin Genoa
Perin in presa alta (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Mattia Perin, intervistato da Sky, commenta la sua parata sul tiro di Cerri sul finire di Genoa-Cagliari: «È stato istinto ed è anche stato bravo Radovanović che mi ha aiutato a leggere che potesse calciare solo lì. Sono andato ed ho alzato il braccio».
Ballardini, cosa ha cambiato nella testa dei giocatori?: «Il mister già lo conoscevo perché l’ho avuto tre anni fa e sapevo quello che poteva portarci. Si vedono i risultati che parlano per lui. Noi siamo stati molto bravi a metterci da subito a disposizione completa. Tutti i giorni diamo il cento percento, se non lo abbiamo ed abbiamo l’ottanta, diamo l’ottanta. In questo sport chi lavora duramente, chi lavora sodo raccoglie i risultati e probabilmente in questo momento stiamo lavorando come si deve».
Senza nulla togliere a Maran, lui ha dovuto attraversare un periodo nerissimo insieme ai calciatori. Al Genoa, all’avvio di campionato, è successo di tutto: «Siamo noi giocatori che andiamo in campo. Con i miei compagni cerchiamo di deresponsabilizzare le colpe degli allenatori. All’inizio ci mancava un po’ di “tigna” che in questo momento stiamo mettendo; quella voglia di essere aggrappati al risultato e di portare a casa il risultato in qualsiasi maniera. Probabilmente all’inizio ci è mancato un po’ di questo ed il mister ne ha pagato le conseguenze».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.